Un bambino su cinque è positivo alla nuova variante del virus.

Nuovo boom di contagi a Roma della variante Omicron2. Ad essere contagiati soprattutto bambini nella fascia d’età 5-11 anni. I pediatri hanno lanciato l’allarme per i casi che sono raddoppiati nell’ultima settimana. Si rivela sempre più importante la copertura vaccinale.

Nella giornata di ieri ci sono stati 8.340 positivi, di cui 4.085 a Roma. La quinta ondata di Omicron2 sta colpendo soprattutto la fascia tra i 5 e gli 11 anni. I pediatri parlano di una media di un bambino su cinque positivo.

Questo perché è la fascia con il numero più basso di vaccinazione. Le famiglie si sono sentite tranquille con l’avvicinarsi della primavera, hanno abbassato l’attenzione, hanno rimandato pensando che il peggio della pandemia fosse alle spalle. Invece il virus continua a girare e a contagiare” ha spiegato Teresa Rongai, presidente della Federazione italiana medici pediatri di Roma.

Gli hub pediatrici sono aperti ma i bambini non vengono vaccinati. Le prenotazioni sono pochissime e invece rinnoviamo l’invito a immunizzare i piccoli soprattutto per tutelare i bambini per cui non è prevista la vaccinazione, sotto i cinque anni. Abbiamo registrato molti casi di infezioni tra fratellini che si contagiano e tanti hanno meno di cinque anni.” ha detto la pediatra.

Coronavirus Covid
Coronavirus Covid

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

I bambini sono meno protetti dalla vaccinazione

Sono molte le resistenze delle persone che nonostante si siano vaccinate non vogliono vaccinare i loro figli per paura di una possibile reazione avversa. Per questo, ora ad essere colpita è la popolazione al di sotto degli 11 anni.

Il programma vaccinale pediatrico organizzato dalla Regione Lazio è attivo da mesi ormai ma sono circa 146mila i bambini che hanno effettuato la prima dose ed è un dato che non è andato ad incrementarsi. Durante la quarta ondata ci sono state tantissime cancellazioni e ad oggi risulta che solo il 12% dei bambini ha concluso il piano vaccinale. L’Istituto Superiore di Sanità ha evidenziato “un forte aumento dell’incidenza nella fascia di età 6-11 anni. Nei bambini da 0 a 9 anni l’incidenza ha raggiunto nell’ultima settimana valori superiori a 250 casi per 100 mila abitanti“, ovvero la popolazione che è meno vaccinata.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 24-03-2022


Von der Leyen, allarme grano bloccato nel Mar Nero

Corea del Nord lancia un missile balistico intercontinentale