Un operaio di 74 anni è stato rapito ad Haiti. L’ipotesi è quella di una azione a scopo estorsivo.

ROMA – Un operaio di 74 anni è stato rapito ad Haiti nella mattinata di martedì 1 giugno 2021. Come riportato dall’Adnkronos, il connazionale era impegnato nei lavori per la costruzione di una strada con una ditta romana quando è stato prelevato dai malviventi e portato nel proprio nascondiglio.

E’ stata già contattata la locale sede dell’azienda e l’ipotesi più probabile sembra essere quella di una azione a scopo estorsivo. Le prime indiscrezioni parlano anche di una attivazione dell’Unità di Crisi della Farnesina.

Contatti in corso

Subito dopo la notizia del rapimento, la Farnesina ha attivato i contatti sia con l’azienda che con l’ambasciata italiana ad Haiti per effettuare tutte le verifiche del caso. La richiesta di riscatto, secondo le prime informazioni, potrebbe essere arrivata nel primo contatto tra i rapinatori e la sede dell’azienda locale.

L’ipotesi più probabile sembra essere quella a scopo estorsivo. La situazione è in continuo aggiornamento e presto ci potrebbero essere importanti novità sul rapimento.

Polizia
Polizia

Famiglia in apprensione

La famiglia è in apprensione per le condizioni dell’ingegnere 74enne. L’uomo era ad Haiti per effettuare dei lavori con la sua azienda romana e impegnata nella costruzione di strade.

Sono in corso tutti i contatti del caso con la Farnesina che ha attivato l’Unità di Crisi per gestire al meglio la vicenda e fare tornare a casa il prima possibile l’ingegnere. I punti da chiarire sono ancora diversi e presto ci potrebbero essere importanti novità.


Trovato morto in casa il fratello di Pino Daniele

2 giugno 1981, muore il cantante Rino Gaetano