Operazione contro Cosa Nostra. 16 le persone arrestate a Palermo. Colpito il mandamento mafioso Brancaccio-Ciaculli.

PALERMO – Operazione contro Cosa Nostra a Palermo nella giornata di martedì 20 luglio 2021. Su delega della Procura di Palermo, le forze dell’ordine hanno eseguito un mandato di custodia cautelare nei confronti di 16 persone, accusate di associazione mafiosa ed estorsione aggravata dal metodo mafioso.

L’inchiesta, che ha colpito il mandamento mafioso Brancaccio-Ciaculli, è iniziata due anni fa ed ha portato alla luce ben 50 episodi estorsivi. Nelle prossime settimane proseguiranno tutti gli approfondimenti del caso anche per chiarire la posizione dei fermati ed eventualmente individuare altre persone coinvolte in questa associazione.

Tre arresti per estorsione a Pozzuoli

I carabinieri di Pozzuoli, come riportato da La Repubblica, hanno eseguito tre arresti per estorsione, “tentata estorsione in concorso” e “detenzione e porto illegale di armi“, con le aggravanti delle “finalità mafiose“. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, nel mirino dei fermati erano finite alcune attività di ristorazione, commercianti al dettaglio e rivenditori del mercato ittico.

Vittime che dovevano dare somme di denaro tra gli 800 e 3000 euro. Richiesta che, in alcuni casi, le persone indagate hanno avanzato anche con l’uso di mitragliatrici e pistole. Episodi che risalgono al 2017 e che le testimonianze hanno permesso di far venire alla luce qualche mese dopo.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Carabinieri
Carabinieri

Due agenti della Polizia Locale arrestati a Reggio Calabria

Due agenti della Polizia Locale sono stati arrestati dalla Guardia di Finanza di Reggio Calabria con l’accusa di concussione, induzione indebita a dare o promettere utilità, falso ideologico e violenza privata. Nell’inchiesta le Fiamme Gialle hanno sequestrato anche una depositeria giudiziaria autorizzata.

La Procura, inoltre, ha emesso nei confronti di altri 7 agenti i provvedimenti di sospensione dall’esercizio di pubblico ufficio per gli stessi reati dei colleghi finiti in manette. Nei prossimi giorni saranno effettuati tutti gli approfondimenti del caso per avere maggiori informazioni.


Software Pegasus, tra i leader spiati anche Macron?

Scarcerato l’ex Br Maurizio Di Marzio