Operazione contro la ‘Ndrangheta. 23 le persone arrestate. Tra gli indagati anche il capo di gabinetto della Regione Toscana.

FIRENZE – Operazione contro la ‘Ndrangheta in diverse zone d’Italia. I carabinieri hanno arrestato 23 persone con l’accusa di traffico di cocaina, controllo dei lavori stradali e smaltimento illecito di rifiuti nelle concerie. Il filone è stato aperto e coordinato dalla Dda di Firenze, ma i fermi sono stati eseguiti anche in Calabria e Umbria. Gli approfondimenti sono ancora in corso anche per accertare il coinvolgimento di altre persone.

Un’altra inchiesta, come riferito da La Nazione, ha portato all’arresto di 17 persone con l’accusa di associazione finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti.

Perquisizioni negli uffici della Regione Toscana

I carabinieri hanno effettuato delle perquisizioni negli uffici della Regione Toscana. Tra gli indagati, infatti, anche Ledo Gori, capo di gabinetto della Presidenza della Regione. L’uomo è accusato di corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio.

Approfondimenti sono stati effettuati anche negli uffici del direttore del settore Ambiente e energia delle Regione Toscana. Il dirigente è indagato per abuso d’ufficio. Contestata l’accusa di corruzione al consigliere regionale del Pd Andrea Pieroni. La loro posizione sarà chiarita nei prossimi giorni. Gli approfondimenti sono in corso e presto ci potrebbero essere importanti novità.

Carabinieri
Carabinieri

Indagata la sindaca di Santa Croce

Indagata anche la sindaca di Santa Croce, Giulia Deidda. L’inchiesta coinvolte elementi di vertice dell’Associazione di Santa Croce sull’Arno. A loro sono contestati a vario titolo i reati di associazione a delinquere aggravata dall’agevolazione mafiosa, traffico illecito di rifiuti, inquinamento e impedimento del controllo da parte degli organi amministrativi e giudiziari.

Una vicenda che ha ancora diversi punti da chiarire e l’indagine proseguirà nei prossimi giorni per cercare di capire la posizione degli indagati ed individuare eventuali altri indagati. Il riserbo resta massimo da parte degli inquirenti anche per il coinvolgimento di alcuni politici e dirigenti.


Vaccini, il nuovo rapporto dell’Aifa: in Italia undici casi di trombosi e quattro decessi

Tirrenia, Procura di Milano chiede fallimento di Cin: passivo di 200 milioni per debiti per 350