Gli uomini della Polizia di Stato hanno eseguito 29 perquisizioni nel corso di una maxi operazione contro No Vax e No Green Pass attivi su canali Telegram monitorati dalle Forze dell’Ordine.

Nuova operazione della Polizia di Stato contro i No Vax e i No Green Pass attivi soprattutto sui canali Telegram, che rappresentano il cuore della comunicazione e dell’organizzazione delle manifestazioni di piazza che vanno avanti ormai da settimane.

Terza dose Vaccino, a chi spetta prima e quanto dura.

Operazione contro no vax e no green pass, 29 perquisizioni

Nel corso dell’operazione gli uomini della Polizia di Stato hanno eseguito 29 perquisizioni. I reati contestati a vario titolo sono costituzione e partecipazione segreta, istigazione, interruzione di pubblico servizio, associazione per delinquere finalizzata a compiere danneggiamenti.

Le perquisizioni sono scattate nei confronti di soggetti attivi su canali Telegram di No Green Pass e di No Vax.

Polizia
Polizia

Le indagini degli inquirenti

L’operazione nei confronti di 24 individui è scattata nel corso dell’indagine che mira ad individuare gli autori delle minacce a membri delle istituzioni regionali in Liguria e e nei confronti di un infettivologo. Contestualmente 5 perquisizioni sono state disposte dalla questura di Firenze nei confronti di persone legate al movimento V_V che sarebbero ritenute responsabili a vario titolo dei reati di associazione per delinquere finalizzata a compiere danneggiamenti e altri reati.

La stretta contro i violenti

Quella del 18 novembre è la seconda operazione condotta in pochi giorni contro il mondo del No Vax e dei No Green Pass ritenuti responsabili delle manifestazioni violente e delle minacce alle istituzioni e ai medici che hanno pubblicamente preso posizione in favore del vaccino e della certificazione verde obbligatoria.

Riproduzione riservata © 2021 - NM

ultimo aggiornamento: 18-11-2021


Il nonno di Scamacca entra in un bar armato di coltello e minaccia i presenti: arrestato

Come sta la Regina Elisabetta, le ultime notizie sulle condizioni di Sua Maestà. Prima apparizione in pubblico dopo il ricovero