Il premier ungherese è stato a Roma dove ha incontrato Papa Francesco e poi il leader della Lega.

Una giornata a Roma per Viktor Orbàn dove ha fatto la prima tappa in Vaticano dal Papa che ha apprezzato la sua dedizione nell’accogliere gli sfollati ucraini. Il premier ungherese ha chiesto a Papa Francesco di “sostenere i nostri sforzi per la pace” e ha sottolineato la “particolare attenzione” per il Vaticano dell’Ungheria.

A sorprendere di più, però, è stato il colloquio di un’ora che ha avuto poi Orbàn con Matteo Salvini e non con Giorgia Meloni. I due leader sovranisti si sono incontrati all’Accademia ungherese dove i due sono stati in “totale sintonia” discutendo del contrasto all’immigrazione illegale e altri temi cari alla destra come l’abbattimento fiscale per le famiglie e le imprese. I due, inoltre, lavorano ad un progetto di centrodestra europeo.

Il premier magiaro ha mostrato le sue politiche economiche a tutela delle famiglie e dei più giovani, con finanziamenti mirati per chi fa figli e vantaggi fiscali. Dopo essersi complimentato con la sua recente vittoria, Salvini ha ricordato a Orbàn che a breve gli italiani voteranno per le amministrative e tra un anno per le politiche dove “Sono convinto che il centrodestra vincerà“.

Giorgia Meloni
Giorgia Meloni

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Giorgia Meloni si allontana da Viktor Orbàn per la sua posizione sulla guerra

Questa volta ad accogliere il primo ministro ungherese non è Giorgia Meloni. Il suo partito si è allontanato da Orbàn in seguito alla sua posizione sul conflitto in Ucraina. La sua pericolosa vicinanza a Putin e al Cremlino lo hanno allontanato da tutti gli alleati europei, anche i più sovranisti come Fratelli d’Italia. Meloni non condivide questo rapporto con Mosca e la decisione dell’Ungheria di non inviare armi a Kiev. Tra i paesi europei è l’unico a non aver fornito alcun aiuto all’Ucraina. Mentre la leader di FdI sostiene fortemente la difesa dell’Ucraina e l’invio di armi. La posizione di Orbàn in politica estera lo ha allontanato anche dal Pis polacco, maggiore alleato europeo di Meloni. “Fidesz non fa parte dei Conservatori europei, semplicemente” tagliano corto dal partito di Meloni.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 22-04-2022


Cingolani: “In un anno e mezzo, addio al gas russo”

Conte “totalmente ambiguo” zittito in diretta