Ostaggi Hamas: la toccante storia di Judith e Natalie Raanan
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Ostaggi Hamas: la toccante storia di Judith e Natalie Raanan

ostaggio incappucciato

Il ritorno a casa da libere di madre e figlia Raanan dopo una tremenda esperienza nelle mani di Hamas come ostaggi.

Il mondo ha trattenuto il respiro quando Judith e Natalie Raanan, madre e figlia originarie di Chicago, sono diventate i primi ostaggi liberati da Hamas nelle scorse ore. Il loro rapimento si era verificato il 7 ottobre, durante la celebrazione dell’85esimo compleanno della nonna in un kibbutz a Nahal Oz, vicino al confine di Gaza.

Come fare soldi con le criptovalute e guadagnare?

Il racconto di come hanno mantenuto la speranza viva durante la detenzione e la loro successiva liberazione è un esempio di resilienza umana e della continua speranza per la pace nella regione.

ostaggio

Il giorno del rapimento

La mattina del rapimento, Natalie, che si era da poco diplomata, aveva mandato un messaggio inquietante alla famiglia riguardo a spari ed esplosioni uditi fuori dalla porta. Il silenzio che seguì fu assordante, fino al momento della loro liberazione, che ha portato un’ondata di sollievo non solo ai loro cari ma a tutti coloro che hanno seguito la loro storia.

Attraverso l’intercessione della Croce Rossa e con il passaggio attraverso l’Egitto, madre e figlia sono finalmente tornate in Israele, accolte dalle braccia aperte della famiglia e dei sostenitori. Il padre e nonno, Uri Raanan, ha condiviso la sua gioia e sollievo con l’Associated Press, sottolineando che “stanno bene”. La reazione della comunità e l’attesa ansiosa per il loro ritorno ha rivelato l’impatto emotivo di questa esperienza non solo per la famiglia Raanan, ma per tutti coloro che anelano alla pace e alla sicurezza nella tumultuosa regione.

Il coraggio e la forza dimostrati da Judith e Natalie hanno toccato il cuore di molti, inclusi i leader politici come il governatore dell’Illinois, JB Pritzker, che ha espresso il suo desiderio di accoglierle a casa. Judith, che ha una lunga storia di servizio come estetista e life coach, insieme a sua figlia, simboleggiano la speranza e la resistenza di fronte alle avversità.

Verso la liberazione di altri ostaggi

Nonostante la gioia per la liberazione di Judith e Natalie, restano almeno altri 200 ostaggi nelle mani di Hamas. L’organizzazione ha dichiarato di essere al lavoro con mediatori di Egitto, Qatar e altri paesi, nella speranza di facilitare la liberazione di altri ostaggi stranieri. Questo evento ha acceso una luce di speranza per future risoluzioni, enfatizzando l’importanza del dialogo e della mediazione in una regione lacerata dal conflitto.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 21 Ottobre 2023 10:59

Simona Branchetti in difesa di Giambruno: “E’ un burlone”

nl pixel