Avete presentato la dichiarazione dei redditi con il modello 730 e volete sapere come fare per ottenere i rimborsi fiscali? Qui ve lo spieghiamo

Per poter richiedere, ed ottenere, il rimbrso IRPEF tramite il modello 730, il contribuente ha due possibili vie da seguire: quella del modello precompilato e quella del modello da compilare, autonomamente o con l’ausilio di un professionista. La differenza sta nei controlli che ne seguiranno, perché chi effettuerà la dichiarazione dei redditi con il modello precompilato non avrà nessun controllo, a differenza da chi lo modificherà.

HO IL SOSTITUTO D’IMPOSTA, COME RICEVO I RIMBORSI DELL’IRPEF?

In qualsiasi maniera il contribuente presenti la dichiarazione dei redditi, quello che ha un sostituto d’imposta, che sia il datore di lavoro o l’ente pensionistico riceverà direttamente il conguaglio, ma naturalmente in tempi diversi. Nel primo caso i rimborsi IRPEF saranno accrediati direttamente sulla busta paga, a partire dal mese successivo dalla scadenza della data di presentazione delle dichiarazioni, mentre nel secondo casa verranno versati sull’assegno pensionistico, il mese successivo ai lavoratori dipendenti.

NON HO IL SOSTITUTO D’IMPOSTA, COME FUNZIONA?

Nel caso in cui il contribuente non abbia un sostituto d’imposta o se il datore di lavoro non svolge questa funzione, sarà l’Agenzia delle Entrate stessa a versarvi il rimbrso IRPEF del credito a vostro favore. Le modalità sono varie, perché potrà provvedere ad accreditare il credito direttamente sul conto corrente bancario, mentre, se le coordinate non vengano comunicate verrà richiesto di presentarsi in un ufficio postale per poter riscuotere il rimborso in contanti, solo se questo è inferiore ai 1000 euro. In questo caso sarà emesso un vaglia dalla Banca d’Italia, con il quale si potranno riscuotere i rimborsi IRPEF.

certificato_unicasim


Simulare un Finanziamento perché conviene

Calcolo Finanziamento e la Maxirata