Palermo, donna morta in ospedale: era rimasta bloccata in ascensore

Palermo, barella bloccata in ascensore: morta donna di 62 anni

Un nuovo caso di sospetta malasanità, questa volta in Sicilia, dove una donna di sessantadue anni è morta in ospedale. I familiari: “Bloccata in ascensore per 15 minuti”.

Ancora il Sud Italia al centro di un sospetto caso di malasanità. Questa volta ci troviamo in Sicilia, a Palermo, dove una donna è morta in ospedale. Stando a quanto riferito dai parenti della donna, che hanno deciso di sporgere denuncia, la paziente sarebbe rimasta per ben quindici minuti in ascensore durante il trasferimento da un reparto all’altro della struttura. Stando ai familiari, proprio questo ritardo ingiustificato avrebbe impedito ai medici di salvare la donna.

Palermo, guasto all’ascensore dell’Ospedale mentre trasportava una paziente che doveva sottoporsi a una visita al cuore

Stando alle prime ricostruzioni, l’ascensore che avrebbe dovuto portare la paziente, attesa per un esame specialistico al cuore, avrebbe avuto un guasto. La sessantaduenne è arrivata a svolgere la visita con un netto ritardo rispetto al programma e proprio quei quindici minuti in ascensori potrebbero essere stati fatali. Svolta la coronarografia, la donna è morta. La risposta sulle cause del decesso arriverà con i risultati dell’autopsia che è stata disposta sul corpo della donna per fare luce sull’accaduto e per determinare se il ritardo dovuto al guasto all’ascensore possa essere stato determinante.

Troia Foggia

I problemi all’ascensore sarebbero stati noti al personale ospedaliero

Secondo quanto denunciato dai parenti della donna, ricoverata nell’ospedale di Villa Sofia, l’ascensore con la barella sarebbe rimasta bloccata per almeno quindici minuti. Il fratello della donna ha inoltre fatto sapere che un medico gli avrebbe confidato che i guasti all’ascensore erano noti e soprattutto frequenti.

L’ospedale ha aperto un’indagine interna

La struttura ospedaliera ha nominato una commissione per svolgere un’indagine interna che dovrà fare luce su possibili responsabilità da parte del personale medico o da parte di quello infermieristico.

 

fonte foto copertina https://www.facebook.com/Primapartenza-Brescia-772460412826349/

ultimo aggiornamento: 24-09-2018

X