Palermo, chiesti 12 anni per il ‘re eolico’ Nicastri

La Procura di Palermo ha chiesto 12 anni il ‘re dell’eolico’ Vito Nicastri. L’inchiesta riguarda il giro di mazzette che riguarda Arata.

PALERMO – La Procura di Palermo ha avanzato una richiesta di una condanna a 12 anni per l’imprenditore Vito Nicastri, indagato per concorso in associazione mafiosa e intestazione fittizia di beni. L’inchiesta riguarda anche il giro di mazzette che vede coinvolto l’ex deputato Paolo Arata e di conseguenza il sottosegretario della Lega, Armando Siri.

La sentenza è attesa nelle prossime settimane e una condanna potrebbe complicare ancora di più la posizione dell’esponente leghista in caso di coinvolgimento di questa vicenda. Nicastri attualmente si trova in carcere in attesa della sentenza di primo grado.

Tribunale di Milano
fonte foto https://www.facebook.com/francesco.nicastro

Palermo, la richiesta della Procura per l’imprenditore Vito Nicastri

Vito Nicastri è stato arrestato nel 2017 per una vicinanza al boss Matteo Messina Denaro, finanziando la sua latitanza. Inizialmente l’imprenditore era stato sottoposto ad una misura ai domiciliari ma l’imputato ha continuato a fare il suo lavoro violando le imposizioni dei giudici tanto da essere portato in carcere.

La richiesta di primo grado da parte dei magistrati è di 12 anni ma il lungo percorso giudiziario dovrebbe proseguire nei prossimi mesi. In caso di condanna i legali potrebbero ricorrere in Appello e in Cassazione per avere uno sconto di pena. L’inchiesta andrà avanti per chiarire la posizione di altre persone coinvolte in questa vicenda come per esempio quelle di Arata e del sottosegretario Siri.

I contatti tra l’imputato e l’esponente leghista sarebbero avvenuti con la collaborazione di Arata per sponsorizzare i progetti che aveva in comune con l’imprenditore siciliano. Nelle tasche di Siri – secondo gli inquirenti – sarebbero entrati 30mila euro per favorire il via libera ad un emendamento di suo interesse per avere delle sovvenzioni in favore delle aziende in comune tra Arata e Nicastri.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/francesco.nicastro

ultimo aggiornamento: 25-04-2019

X