La storia dei sei giocatori rossoneri capaci di aggiudicarsi almeno una volta il Pallone d’oro, principale trofeo individuale del mondo del calcio.

Pallone d’oro Milan – “Il mio Pallone d’oro è rubare più palloni possibili“, affermava alcuni anni fa Gennaro Gattuso. L’ex incontrista rossonero non è mai stato premiato, ovviamente, con il prestigioso trofeo istituito da France Football. I suoi piedi non lo meritavano. Tuttavia, il Milan può vantare ben sei calciatori che in maglia rossonera sono riusciti ad aggiudicarsi l’ambito titolo almeno una volta. Una collezione che in Italia solo la Juventus può vantare, e che in Europa solo Real Madrid e Barcellona riescono a superare. Andiamo dunque a scoprire chi sono stati i sei milanisti vincitori del Pallone d’oro.

Pallone d’oro Milan: spicca il tris di van Basten

Gianni Rivera, 1969. L’apripista di questa speciale categoria di fenomeni rossoneri non poteva che essere Gianni Rivera, il divino trequartista, un artista del pallone dall’incredibile fiuto del gol. Rivera ricevette il premio il 22 dicembre del 1969, superando per quattro voti Gigi Riva e divenendo il primo italiano non oriundo a ottenere il riconoscimento. In quella stagione, il capitano rossonero aveva trascinato il Milan alla vittoria della seconda Coppa dei Campioni.

Ruud Gullit, 1987. Diciotto anni dopo toccò al Tulipano Nero riportare il Pallone d’Oro nella milano rossonera. Acquistato dal club proprio nell’estate del 1987 per 13,5 miliardi di lire, Gullit divenne subito un intoccabile della squadra di Sacchi. Ottenne il prezioso titolo il 28 dicembre, classificandosi al primo posto davanti al portoghese Paulo Futre e a Emilio Butragueño, grazie alle eccellenti performance sia con la maglia del Psv che con quella del Milan.

Marco van Basten, 1988, 1989, 1992. “Non ho mai visto un giocatore più elegante di van Basten“, ammise Maradona in un libro del 2002 pubblicato da Fandango. Un campione unico, il Cigno di Utrecht, capace di aggiudicarsi il prestigioso riconoscimento in tre diverse occasioni: nel 1988 davanti ai compagni Gullit e Rijkaard; nel 1989, anno in cui segnò 10 reti in 9 presenze in Coppa dei Campioni; nel 1992, in seguito a una stagione da 25 reti in Serie A.

George Weah, 1995. Il fenomenale centravanti liberiano fu il primo calciatore non europeo ad aggiudicarsi il Pallone d’oro, dopo il cambiamento del regolamento restrittivo. Weah riuscì a vincere il premio grazie all’annata eccellente della stagione precedente con la maglia del Psg. In quell’occasione era stato capocannoniere della Champions con 8 reti, perdendo però in semifinale proprio dal Milan.

Andriy Shevchenko, 2004. Il secondo più grande goleador della storia del Milan fu insignito del Pallone d’oro, arrivando davanti al portoghese Deco e a Ronaldinho. L’ucraino riuscì a conquistare il premio grazie allo straordinario campionato da 24 reti in 32 partite, che era valso il ritorno dello scudetto a Milano.

Kakà, 2007. L’ultimo (per ora) vincitore del Pallone d’oro in maglia rossonera fu Kakà, dieci anni or sono. Il campione brasiliano riuscì a conquistare il trofeo nella stagione della straordinaria galoppata nella Champions conclusa con il trionfo di Atene. Tra i meriti eccezionali dell’ex campione rossonero vi è esser stato l’ultimo, fino ad oggi, ad aver conquistato il trofeo mettendosi alle spalle Ronaldo e Messi, che dal 2008 in poi hanno monopolizzato la cerimonia.

Vaccino Covid, quando farlo, come prenotarsi e da chi saremo chiamati

TAG:
calcio copertina Marco van Basten milan Pallone d'oro Tutto Milan

ultimo aggiornamento: 29-06-2017


Allegri a Sky: “Annata fantastica. E ancora il lavoro non è finito”

Confederations Cup, Germania-Messico 4-1: i tedeschi volano in finale