Qatargate: Panzeri firma l'accordo con la Procura
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Qatargate: Panzeri firma l’accordo con la Procura

sala tribunale

L’ex europarlamentare Panzeri, responsabile del Qatargate, diventa un pentito firmando l’accordo con la Procura belga.

Antonio Panzeri da oggi è considerato ufficialmente un “pentito” secondo la legge belga. “La reputazione di Antonio Panzeri è stata macchiata per sempre. L’esposizione data a questo caso è di per sé una sanzione” ha detto il suo avvocato che rivela l’accordo firmato con la Procura federale che contiene “una condanna a cinque anni, ma con sospensione condizionale della pena per la parte eccedente un anno”, una multa da 80 mila euro e il sequestro di un milione di euro.

L’ex esponente di Articolo Uno e Pd quindi sarà soggetto a reclusione, multa e confisca di tutti i beni acquisiti. Panzeri decide di patteggiare per le sue implicazioni nello scandalo che ha travolto il Parlamento europeo e decide di impegnarsi a collaborare con le autorità belghe fornendo tutte le informazioni a sua disposizione sul Qatargate. La nota della Procura sottolinea che questa legge “pentiti” è stata utilizzata soltanto una volta nella storia.

Come fare soldi? 30 idee semplici per guadagnare

sala tribunale
sala tribunale

Cosa prevede l’accordo con la Procura

Panzeri avrebbe già ammesso di aver dato a 140mila euro a Marc Tarabella, il deputato belga implicato nello scandalo. Secondo il memorandum firmato dall’ex deputato italiano e la procura belga, Panzeri si impegna a informare la giustizia su “modus operandi, gli accordi finanziari con terzi, le strutture finanziarie poste in essere, i beneficiari delle strutture poste in essere e i vantaggi offerti, il coinvolgimento di persone conosciute o non ancora conosciute nel caso, compresa l’identità delle persone che ammette di aver corrotto”.

Panzeri ha deciso di patteggiare per i capi di imputazione: atti di partecipazione ad un’organizzazione criminale in qualità di capo di tale organizzazione, ma anche di riciclaggio e corruzione pubblica attiva e passiva.

La promessa della procura può essere revocata nel momento in cui il pentito non rispetta le condizioni; se viene condannato con sentenza o sentenza passata in giudicato per reati commessi dopo la data di conclusione del verbale; se non rende le dichiarazioni previste nella nota; se non risarcisce il danno; se consapevolmente rende dichiarazioni incomplete, non sincere o non rivelatrici sui fatti richiamati; se, al fine di ostacolare il procedimento sui fatti indicati, tenta di occultare prove o di accordarsi con terzi.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 18 Gennaio 2023 11:58

Ong tornano in Afghanistan: rassicurazioni dei talebani

nl pixel