Nel corso della sua carriera ha collaborato con personaggi del calibro di Fabio Fazio e Adriano Celentano arrivando fino al grande evento del Festival di Sanremo.

È morto Paolo Beldì, noto regista televisivo che nel corso della sua lunga e fortunata carriera ha collaborato con Fabio Fazio e Adriano Celentano, tanto per fare due nomi.

È morto Paolo Beldì, noto regista televisivo

Paolo Beldì aveva sessantasei anni. La notizia ha fatto in poco tempo il giro della rete e tanti personaggi del mondo della televisione e dello spettacolo hanno voluto ricordare il noto regista, che ha messo la firma, sempre riconoscibile, su programmi di grande successo.

Come riferito dall’HuffPost, il noto regista e grande tifoso della Fiorentina è stato trovato morto in casa. L’ipotesi è che sia stato colto da un infarto.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

RAI
fonte foto https://www.facebook.com/RaiUfficioStampa

Chi era Paolo Beldì

Nato a Novara, Paolo Beldì era figlio di un noto pubblicitario. Inizia la sua carriera a Radio Azzurra e Onda Novara. Negli studi ha la possibilità di girare per gli studi. Sostanzialmente si forma sul campo e conosce personaggi che poi sarebbero diventati di grande successo. Parliamo di artisti del calibro di Teo Teocoli e Enzo Tortora, tanto per fare due nomi.

Dopo una lunga gavetta Beldì arriva in Fininvest, che poi avrebbe cambiato il nome in Mediaset. Mette la sua firma su programmi come Mai dire Banzai. Poi inizia la collaborazione con Antonio Ricci.

Arrivano poi gli anni della RAI e la svolta arriva per un’inquadratura di un calzino che Beldì ha il coraggio di lanciare in diretta. “È il mio primo giorno da regista Rai. Un operatore m’inquadra un ospite con pantalone alzato e calzino a mezz’asta, non resisto e lo lancio in diretta. Fu scandalo”, racconterà Beldì.

Inizia poi la collaborazione con Fabio Fazio che porterà il regista televisivo a curare anche diverse edizioni del Festival di Sanremo.


Certificati di vaccinazione e Green Pass falsi, sequestrati dieci canali Telegram

Violenze in carcere, striscione contro gli agenti: “Mele marce? Abbattiamo l’albero”