Paolo Di Canio, gol e passione: le cinque reti più belle in carriera

Paolo Di Canio, gol da cineteca oltre le polemiche: le cinque reti più belle messe a segno in carriera.

chiudi

Caricamento Player...

Calciatore e uomo spesso discusso, frequentemente al centro dell’attenzione e della polemica mediatica per il suo essere spontaneo, genuino ed estremamente schierato da un punto di vista politico, Paolo Di Canio di gol in carriera ne ha messi a segno parecchi, meritandosi le maglie che ha indossato. Per uno strano scherzo del destino, però, è ricordato più per le sue risse e le sue esultanze controverse, ma noi vogliamo rendere merito all’attaccante proprio a poci giorni da Lazio-Milan, due delle squadre più importanti, per motivi diversi, della sua carriera.

Paolo Di Canio, gol: i cinque più belli messi a segno in carriera

Al quinto posto il gol di Paolo Di Canio contro la Roma: nel 1989 l’attaccante, allora in forza alla Lazio, era una delle anime del derby: azione insistita sulla sinistra, cross basso sul secondo palo e destro a incrociare di Di Canio che batte il portiere e porta in vantaggio i biancocelesti proprio sotto la Curva Sud.

Al quarto posto il gol messo a segno con la maglia del Charlton contro l’Arsenal. Calcio di rigore affidato all’estro dell’attaccante azzurro che sfodere un cucchiaio stile Francesco Totti e fa innamorare la Premier League.

Al terzo posto ancora un gol messo a segno con la maglia della Lazio contro la Roma. Stvolta l’anno è il 2005. Lancio dalla distanza  per Di Canio che al volo si coordina e dal limite dell’area batte il portiere.

Al secondo posto il gol da cineteca siglato contro il Wimbledon con addosso la maglia gloriosa del West Ham: ancora un lancio lungo per Di Canio che defilato sulla sinistra si inventa una cocìnclusione al volo destinata a rimanere negli annali.

Al primo posto nella classifica dei gol di Paolo Di Canio c’è quello messo a segno contro il Chelsea, sempre con la casacca del West Ham sulle spalle. Pallone ricevuto sulla trequarti campo, sombrero su un difensore e botta di controbalzo dai trentacinque metri.