Paolo Maldini, bomba: rivela chi l'ha fatto licenziare al Milan
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Paolo Maldini, bomba: rivela chi l’ha fatto licenziare al Milan

Paolo Maldini

L’ex direttore sportivo del Milan parla apertamente del suo addio e dei conflitti interni, le cause del licenziamento di Maldini.

Paolo Maldini, figura leggendaria del calcio italiano e ex direttore sportivo del Milan, ha recentemente rotto il silenzio riguardo il suo inaspettato licenziamento dal club rossonero. In una dettagliata intervista concessa a La Repubblica, Maldini ha esplorato vari aspetti legati al suo addio, rivelando particolari inediti e dinamiche interne al Milan.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Paolo Maldini
Paolo Maldini

Dissapori interni e decisioni discutibili

Maldini, con una carriera leggendaria sia in campo che fuori, ha rivelato come il suo licenziamento sia stato una conseguenza diretta dei rapporti tesi con Ivan Furlani, figura chiave nella gestione del Milan. Durante l’intervista, ha raccontato l’episodio chiave che ha segnato la fine del suo percorso con il Milan: un incontro con Gerry Cardinale, il proprietario del club. Maldini ha descritto come, inaspettatamente, dopo una breve conversazione sull’addio al calcio di Zlatan Ibrahimović, Cardinale lo abbia informato della decisione di procedere con il suo licenziamento, insieme a quello di Ricky Massara, senza fornire ragioni concrete se non alludendo a questi cattivi rapporti con Furlani.

L’incomprensione e le reazioni di Maldini

Profondamente sorpreso da questa mossa, Maldini ha espresso la sua incredulità e la mancanza di fondamento dietro questa decisione. Ha sottolineato come non ci fossero stati precedenti conflitti diretti con Furlani che potessero giustificare un licenziamento così drastico. Inoltre, Maldini ha messo in discussione la solidità delle motivazioni addotte da Cardinale, in particolare facendo riferimento a una battuta riguardo la semifinale di Champions League persa contro l’Inter, considerando tali giustificazioni deboli e non sufficientemente valide per un licenziamento.

Le dichiarazioni di Maldini aprono uno squarcio su di una realtà spesso celata nel mondo del calcio, dove le decisioni manageriali e i rapporti interni possono avere impatti inaspettati e profondi. Il licenziamento di una figura storica e rispettata come Paolo Maldini dal Milan solleva interrogativi non solo sulle dinamiche interne al club, ma anche sulla direzione futura che il Milan intende prendere. La sua storia, così strettamente intrecciata con i successi del club, lascia un’eredità importante, ma anche domande aperte sul ruolo dei rapporti e delle dinamiche di potere nel calcio moderno.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 1 Dicembre 2023 17:06

Juventus: potrebbe essere doppio il colpo dal Manchester United

nl pixel