Paolo Moreno è morto all’età di 86 anni. L’archeologo ha scoperto I Bronzi di Riace e il Satiro.

ROMA – Lutto nel mondo dell’archeologia. E’ morto all’età di 86 Paolo Moreno, il professionista che in passato ha identificato I Bronzi di Riace e Il Satiro. La notizia della scomparsa è stata riportata da La Repubblica, ma la famiglia ha preferito non dare ulteriori informazioni sui motivi del decesso.

I funerali si svolgeranno in forma privata anche per l’emergenza coronavirus. Con la sua scomparsa si chiude una pagina importante della storia dell’archeologia italiana. L’uomo, infatti, è stato uno dei massimi studiosi dell’arte greca.

Chi era Paolo Moreno

Nato il 30 ottobre 1934, Paolo Moreno si era trasferito a Bari per studiare archeologia. Una lunga carriera in questo modo nata grazie ad un maestro del calibro di Doro Levi alla Scuola Archeologica Italiana di Atene.

Una professione che lo ha visto in prima linea sia dietro la cattedra che in prima linea per le scoperte. L’identificazione dei Bronzi di Riace è collegata all’archeologo. L’uomo, inoltre, ha collaborato anche con diverse imprese editoriali internazionali. La notizia della morte è stata appresa con molto dolore da parte di tutti gli ex colleghi e allievi.

Ambulanza
Db Milano 07/10/2009 – Ospedale Niguarda / foto Daniele Buffa/Image nella foto: ospedale Niguarda ambulanza

Paolo Moreno morto

La notizia della scomparsa dell’archeologo è stata data dalla famiglia nella giornata di venerdì 5 marzo. Massimo riserbo sulle cause del decesso e i funerali si svolgeranno in forma privata nel rispetto delle norme anti-Covid.

Al termine della pandemia, non si esclude la possibilità di organizzare un evento per ricordare uno dei più grandi archeologi d’Italia. Una lunga carriera in questo mondo per Moreno. Diverse le scoperte durante i diversi anni trascorsi nell’archeologia. E una figura come la sua mancherà sicuramente. Anche se le scoperte lo renderanno molto conosciuto anche dalle generazioni future.


Inchiesta sulla mascherine, la Guardia di Finanza: “Dispositivi fasulli per i medici in corsia”

Sequestrati 22 cavalcavia sulla A20 Messina-Palermo