Giornata Mondiale dedicata ai poveri, il messaggio di Papa Francesco

Papa Francesco: I migranti sono i nuovi schiavi, porti chiusi non dureranno per sempre

Giornata Mondiale dedicata ai poveri, il messaggio di Papa Francesco: I migranti sono vittime di interessi nascosti, sono strumentalizzati per uso politico.

Torna a parlare di migranti Papa Francesco e lo fa puntando nuovamente il dito contro i porti chiusi e la politica adottata dall’Europa (Italia in primis) per limitare gli sbarchi irregolari. Le parole del Santo Padre arrivano proprio nelle ore del nuovo scontro tra Matteo Salvini e la Sea Watch, che ha soccorso 52 persone al largo della Libia.

Giornata Mondiale dedicata ai poveri, Papa Francesco avverte: Si possono sbarrare gli ingressi ma è solo un’illusione di sicurezza

In occasione della Giornata Mondiale per i poveri, il Pontefice ha paragonato i migranti ai nuovi schiavi, ha fatto sapere che chiudere i porti non regala altro che una illusione di sicurezza e ha concluso sottolineando che questo clima di intolleranza è destinato ad esaurirsi. E forse anche in tempi brevi.

“Si possono costruire tanti muri e sbarrare gli ingressi per illudersi di sentirsi sicuri con le proprie ricchezze a danno di quanti si lasciano fuori. Non sarà così per sempre”.

Papa Francesco
Papa Francesco

Il Papa: i migranti sono i nuovi schiavi

Secondo Bergoglio, inoltre, i migranti sarebbero sarebbero tra i nuovi schiavi dei tempi moderni, sfruttati dalla politica per scopi politici, abbandonati dalla società che li guarda con disprezzo.

“Come dimenticare, inoltre i milioni di immigrati vittime di tanti interessi nascosti, spesso strumentalizzati per uso politico, a cui sono negate la solidarietà e l’uguaglianza? E tante persone senzatetto ed emarginate che si aggirano per le strade delle nostre città?

Quante volte vediamo i poveri nelle discariche a raccogliere il frutto dello scarto e del superfluo, per trovare qualcosa di cui nutrirsi o vestirsi! Diventati loro stessi parte di una discarica umana sono trattati da rifiuti, senza che alcun senso di colpa investa quanti sono complici di questo scandalo. Giudicati spesso parassiti della società, ai poveri non si perdona neppure la loro povertà“.

ultimo aggiornamento: 14-06-2019

X