Papa Francesco sta per nominare due donne nell’ambito del Dicastero dei Vescovi. Le due figure prenderanno parte all’elezione dei vescovi.

Si tratta di un primato mai esplorato prima nella storia della Chiesa cattolica. Per la prima volta, due donne entreranno a far parte del comitato vaticano, fino ad ora sempre e solo al maschile. Le due figure femminili coadiuveranno gli ecclesiastici, in merito alla nomina dei vescovi del mondo.

A rivelarlo, lo stesso Papa Francesco, nell’ambito di un’intervista a Reuters, moderata da Phil Pullella. Il rivoluzionario Francesco, avrebbe risposto ad un quesito rispetto alle quote rosa in Vaticano, in merito a quanto stabilito dalla nuova Costituzione apostolica “Praedicate Evangelium”, disposizione che riformerebbe la Curia. Secondo quest’ultima, in un futuro prossimo i dicasteri potrebbero entrare nella pertinenza di una coppia di laici.

udienza privata Papa Francesco
Papa Francesco

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Le parole di Francesco

“Io sono aperto che si dia l’occasione. Adesso il Governatorato ha una vice governatrice… Adesso, nella Congregazione dei vescovi, nella commissione per eleggere i vescovi, andranno due donne per la prima volta. Un pò si apre in questo modo. Come capi dicasteri: laici, non so, penso all’Educazione, Cultura, Biblioteca, che è quasi un dicastero”, così ha risposto papa Francesco sulla possibilità di nominare laici e donne in posizioni di vertice nella Curia romana.


Il Papa, nell’intervista ha quindi rimembrato che lo scorso anno, per la prima volta, ha nominato una donna alla posizione numero due del Governatorato della Città del Vaticano, suor Raffaella Petrini. Francesco ha poi nominato suor Nathalie Becquart, membro francese delle Suore Missionarie Xaviere, sottosegretaria del Sinodo dei Vescovi. 

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 06-07-2022


Fratoianni su Fanpage.it “Grave che Draghi faccia accordi con Erdogan”

Pregliasco: “L’arrivo della variante indiana in Italia sarà molto rapido”