Paralimpiadi, i risultati di giovedì 2 settembre 2021. Italia ancora in evidenza a Tokyo. Ecco tutte le medaglie conquistate.

TOKYO – Paralimpiadi, i risultati di giovedì 2 settembre 2021. L’Italia è ancora protagonista in Giappone in diverse specialità. Finalmente il primo oro nel ciclismo è arrivato. Il terzetto formato da Luca Mazzone, Paolo Cecchetto e Diego Colombari è riuscito a confermare il titolo conquistato a Rio grazie all’apporto di Alex Zanardi.

Un risultato sicuramente importante che porta il primo titolo olimpico in questa categoria dopo averlo sfiorato per diverse volte in altre competizione.

Pioggia di medaglie nel nuovo

La vasca continua a regalare medaglie all’Italia. Antonio Fantin nei 400 stile libero è riuscito a salire sul gradino del podio alle spalle del brasiliano. Bronzo, invece, nei 100 farfalla per Simone Baarlan, con l’azzurro che ha chiuso dietro Martin, ma davanti a Morlacchi.

Secondo posto per Stefano Raimondi nei 100 dorso. A rafforzare il bottino ci hanno pensato Arjola Trimi (argento nei 50 stile libero S4), Francesco Bettella (bronzo nei 50 dorso S1), Luigi Beggiato (bronzo nei 50 stile libero S4).

Green Pass, tutte le regole dal 1 settembre

Tokyo
Tokyo

Gli altri podi

Ma le soddisfazioni non sono finite qui. Nell’arco Vincenza Petrilli è riuscita a conquistare la medaglia d’argento nella categoria W2. A fermare il cammino della nostra atleta è stata l’iraniana Nemati. Seconda medaglia individuale anche per Oney Tapia, bronzo nel disco. Atletica che ha regalato anche l’argento di Martina Caironi nel lungo. Meglio dell’azzurra ha fatto solamente Vanessa Low, che con il 5.20 ha registrato anche il record del mondo.

Italia a 58 medaglie

Un bottino che per i colori azzurri è in continuo aumento. Al 2 settembre l’Italia ha conquistato ben 58 medaglie (13 ori, 25 argenti e 20 bronzi), ma i numeri sembrano essere destinati a crescere e già nella giornata di venerdì ci potrebbero essere altri podi.


US Open, fuori Paolini al secondo turno

Vuelta, successo di Miguel Angel Lopez nella diciottesima tappa. Roglic sempre più rosso