Parola ai lettori , anche il mondo dell’informazione finisce sotto accusa: “Basta con i giudizi a vanvera sul coronavirus”.

L’emergenza coronavirus costringe anche gli organi di informazione a fare una scelta. Prendere una decisione. Inseguire la notizia, essere notizia o fare un corretto lavoro di informazione.

Non sono pochi gli utenti che accusano i media di fare allarmismo, di cavalcare il panico per trarre vantaggio dal momento di paura e difficoltà.

CORONAVIRUS EMERGENZA

Basta con i giudizi a vanvera sul coronavirus!

Nel momento in cui e’ stato fatto obbligo a tutti di rimanere in casa per almeno due settimane, perché non imporre lo stesso trattamento a conduttori e conduttrici di certe trasmissioni in cui tutti diventano scienziati del coronavirus? Ed emettono giudizi a vanvera?

Sarebbe più utile trasmette qualche buon film o qualche bel programma di intrattenimento?

Agostino

Quella di Agostino è una riflessione che in questi giorni ha animato anche le discussioni sui social network. In molti vorrebbero vedere in televisione più programmi per i bambini e per le famiglie. Insomma, non bisogna sottovalutare la minaccia, bisogna difendere il dovere e il diritto di informazione ma bisogna anche sforzarsi di alleggerire la giornata.

Fonte foto: https://pixabay.com/it/

Diventa protagonista, ecco come fare

Diventa anche tu protagonista, fai sentire la tua voce. Invia un racconto, una foto, una storia, un video o un disegno all’indirizzo parolaailettori@gmail.com


Coronavirus, gli italiani cantano l’inno nazionale da balconi e finestre

Coronavirus, al via test per l’antivirale remdesivir