partecipazioni pubbliche dove si consultano

Grandi novità in arrivo per le partecipazioni pubbliche: ecco tutte le modifiche introdotte dal decreto correttivo approvato dal Consiglio dei ministri

chiudi

Caricamento Player...

Il decreto attuativo sulle società partecipate dell’articolo 18, approvato in via definitiva dal Consiglio dei ministri lo scorso 10 agosto 2016, ha portato una ventata di novità per quanto concerne le partecipazioni pubbliche.

Partecipazioni pubbliche

Tra le novità principali introdotte dal decreto correttivo approvato dal Consiglio dei Ministri vi è in primis la riduzione delle società e devono essere individuati i criteri qualitativi e quantitativi indispensabili per razionalizzare quella che è la platea delle partecipate. Non solo, il decreto ha stabilito che non sono consentite:

  • società prive di dipendenti oppure società che presentano un numero di dipendenti inferiore a quello degli amministratori;
  • società che durante gli ultimi tre anni di attività non abbiano registrato un fatturato al di sotto del milione di euro e quelle inattive ossia che durante l’ultimo anno non hanno emesso nemmeno una fattura.

Sono, invece, consentite le partecipate pubbliche che si impegnano in attività di interesse pubblico e in servizi strumentali e di committenza.

Le novità

Ma quali sono le novità introdotte dal decreto correttivo? In primis viene offerta la possibilità alle pubbliche amministrazioni di avere partecipazioni in società a condizione che presentino come oggetto sociale la produzione di energie rinnovabili. Non solo, anche le università hanno il diritto di costituire società per gestire aziende agricole con finalità puramente didattiche. E ancora: le società a controllo pubblico possono decidere, con tanto di motivazione e con un report sui costi da mantenere, di poter sostituire l’amministratore unico con un consiglio di amministrazione composto da tre o cinque membri. Il termine entro il quale le società devono necessariamente adeguata la propria forma societaria è fissato per il 30 luglio 2017. Per la consultazione è possibile sul sito ufficiale Mef.certificato_unicasim