Partite IVA, disponibile il bonus di 800 euro: come richiederlo
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Partite IVA, disponibile il bonus di 800 euro: come richiederlo

inps uffici

Ecco il bonus di 800 euro per le partite IVA: come ottenere l’Iscro e quali sono tutti i requisiti per il 2024.

Nel 2024, i lavoratori autonomi titolari di partita IVA iscritti alla Gestione separata dell’INPS possono ancora beneficiare del bonus da 800 euro.

Come fare soldi? 30 idee semplici per guadagnare

Questa misura, conosciuta come Iscro (Indennità straordinaria di continuità reddituale e operativa), offre un supporto finanziario ai liberi professionisti che hanno subito un significativo calo del fatturato.

Inps
Inps

Che cos’è il bonus di 800 per le partite Iva

L’Iscro, come riportato da Tgcom24.mediaset.it, è stato introdotto dalla Legge di Bilancio del 2021 per sostenere i lavoratori autonomi colpiti dalla crisi economica causata dalla pandemia.

Con il passare degli anni, questo bonus è diventato un ammortizzatore sociale permanente, simile a una cassa integrazione per le partite IVA.

Gli autonomi possono ricevere questa indennità per un periodo massimo di sei mesi, con un importo mensile che varia tra 250 e 800 euro.

La domanda per ottenere il bonus Iscro deve essere presentata online tramite il sito dell’INPS entro il 31 ottobre di ogni anno.

È possibile accedere al portale con SPID, CIE o CNS e seguire il percorso: “Sostegni, sussidi e indennità” > “Esplora Sostegni, Sussidi e Indennità” > “Punto d’accesso alle prestazioni non pensionistiche” > “Indennità Straordinaria di Continuità Reddituale e Operativa (Iscro)“.

Il calcolo dell’indennità e le cause di esclusione

L’importo dell’indennità varia da un minimo di 250 euro a un massimo di 800 euro al mese, calcolato come il 25% dell’ultimo reddito dichiarato su base semestrale.

Questo importo viene rivalutato annualmente in base all’indice ISTAT dei prezzi al consumo. Pertanto, l’importo preciso può variare di anno in anno.

L’Iscro non è disponibile per chi ha altre tipologie di reddito come lavoro dipendente, redditi da partecipazione a imprese o pensioni dirette.

È inoltre incompatibile con altri sussidi come la Naspi e la Dis-Coll, ma è cumulabile con l’Assegno ordinario di invalidità.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 31 Maggio 2024 15:27

La “roulette” del PNRR sul credito d’imposta 

nl pixel