Passaggio di proprietà senza notaio, come funziona e cose da sapere

Passaggio di proprietà senza notaio: informazioni, obblighi e dettagli

chiudi

Caricamento Player...

Passaggio di proprietà senza notaio: tutte le cose da sapere circa la nuova normativa che permette di risparmiare un bel po’ di soldi, e promette di snellire il peso della macchina burocratica italiana.

Il gravoso peso della burocrazia

Purtroppo possedere un’automobile significa aver a che fare con molta burocrazia. È vero dappertutto, ma in Italia, la patria del bollo, si toccano vette a metà strada tra il tragico e il comico. Fortunatamente negli ultimi tempi le cose stanno un po’ cambiando.

E non ci riferiamo alla sola fine dell’obbligo di esporre il tagliando dell’assicurazione. Che bella roba, tanto bisogna comunque tenere una prova cartacea in auto. Ma anche alla possibilità di effettuare un passaggio di proprietà spendendo meno soldi e chiamando in causa meno terze parti.

Addio Certificato di Proprietà

Negli ultimi mesi è stato ufficialmente abolito anche il Certificato di Proprietà cartaceo. Ora si chiama documento unico di circolazione, ed è esclusivamente in formato elettronico. Questo comporta alcuni cambiamenti, in meglio, relativi al passaggio di proprietà tra privati.

In realtà il notaio non è più necessario da diverso tempo, intorno ai dieci anni circa. La firma di venditore e acquirente deve sempre essere autenticata, ma il processo può essere completato presso gli uffici del comune. Cambiano tuttavia le implicazioni per l’applicazione della firma.

In digitale

Da ora in poi la firma del venditore rimarrà negli archivi solo in formato digitale. Questa firma può essere apposta, e autenticata, sia presso gli uffici anagrafici del comune oppure presso gli sportelli dell’automobilista istituiti dal PRA.

Fino a febbraio 2016, è rimasto in piedi un sistema “transitorio” in cui viene stampato un documento che autentica la firma del venditore. A livello pratico non restava che applicare la marca da bollo fisica, poi trasformata in bollo virtuale dagli agenti del fisco.