Patrick Cutrone: “Io come Pippo Inzaghi? È ancora presto”

Tutta l’umiltà di Patrick Cutrone nelle dichiarazioni rilasciate nel corso di un evento svoltosi a Milano: “Penso solo ad allenarmi bene”.

“Non sono il cocco di Gattuso”. Nel corso della 14esima edizione del “Premio Amico dei Bambini… Un Esempio per loro”, Patrick Cutrone ha parlato del suo rapporto con mister Rino. “Non parliamo tantissimo – ha aggiunto il giovane centravanti rossonero – lui parla molto in campo. Ha detto cose importanti su di me, ma tiene a tutti i giocatori della rosa. È fondamentale essere un gruppo unito”.

Serie A, 24esima giornata: Spal-Milan sabato 10 febbraio alle ore 15

Molti paragonano Patrick Cutrone a Pippo Inzaghi, una leggenda da queste parti. Ecco il parare del 20enne milanista: “È presto. Io penso ad allenarmi bene e a mettere in difficoltà il mister. Mi faccio trovare subito pronto perché voglio aiutare la squadra. E se non segno in allenamento mi arrabbio. Il difensore che mi ha menato di più? Ajeti del Crotone, lo ha fatto per tutta la partita”.

Fra le altre cose, Cutrone ha parlato anche del famoso gol di mano con la Lazio, partendo dal chiarimento avuto con Simone Inzaghi: “La sportività viene prima di tutto, si vede benissimo che il mio gesto è involontario, volevo colpire la palla di testa. L’azione era troppo veloce, pensavo di averla presa con la spalla fino a quando l’ho rivista in tv. C’era il VAR e nessuno ha protestato: ha dato il gol, è andata così”.

Ricevi le ultime notizie sul Milan, lascia la tua email qui sotto:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 07-02-2018

Salvo Trovato

X