Operazione antimafia a Trapani, sequestrato il patrimonio di Carmelo Patti

La DIA ha confiscato tre resort e diversi beni all’ex patron di Valtur, Carmelo Patti, morto nel 2016 per frequentazioni con la mafia.

TRAPANI – Nuovo blitz antimafia in Sicilia. La DIA di Palermo ha eseguito la confisca di tre resort e beni per 1,5 miliardi di euro appartenenti a Carmelo Patti. Secondo quanto scoperto dagli inquirenti, l’ex patron di Valtur – morto nel 2016 – aveva frequentazioni con ambiti mafiosi. Tra i suoi più stretti collaboratori c’era anche il cognato di Matteo Messina Denaro.

Proprio per questo motivo il Tribunale di Trapani ha deciso per la sequestro del patrimonio dell’imprenditore e nelle prossime ore in conferenza stampa verranno spiegati i dettagli di questa operazione.

Guardia di Finanza
Fonte foto: https://www.facebook.com/TgAmiciAnimali/

Operazione antimafia a Trapani, confiscati i beni di Carmelo

Le indagini sono partite nei mesi scorsi. Secondo quanto raccontato dal direttore della DIA, l’impero di Carmelo Patti sarebbe partito negli anni d’oro degli appalti Fiat. L’imprenditore versava trasferimenti di denaro a Santo Sacco, inizialmente un sindacalista anonimo ma poi con il passare del tempo diventato il postino di Matteo Messina Denaro.

La direzione antimafia ha definito questa operazione come “una delle grandi confische della storia“. “Oggi – spiega il generale Governale – termina definitivamente l’epoca di un imprenditore contiguo con gli interessi di Costa Nostra. Questa operazione rientra nell’azione programmata e programmatica di attacco da parte del governo all’enorme patrimonio finanziario della criminalità organizzata. Un’infiltrazione diretta e pervicace della famiglia mafiosa di Castelvetrano“.

Le indagini si sono concluse con la confisca di un patrimonio da oltre 1,5 miliardi di euro oltre che il sequestro di tre resort appartenenti alla Valtur tra Calabria e Sicilia, anche se per il momento chiusi.

Di seguito il video con le immagini dell’operazione della DIA

fonte foto copertina https://twitter.com/GiornaleLORA

ultimo aggiornamento: 24-11-2018

X