Il partito di Giorgia Meloni ha stretto una solida alleanza con l’estrema destra franchista spagnola di Vox.

Giorgia Meloni ama la Spagna e la destra neofranchista del partito Vox tanto che un paio di volte al mese vola a Madrid per incontrare i suoi alleati. Lì ha molte amicizie che risalgono agli anni di militanza giovanile del Msi. Fratelli d’Italia e Vox sono due partiti molto simili di derivazione neofascista. Entrambi fanno parte del gruppo Conservatori e riformisti in Europa presieduto dalla stessa Meloni e unisce i due partiti con gli ultraconservatori cattolici di Varsavia.

L’unica differenza che c’è tra FdI e Vox è che il partito di Giorgia Meloni rischia di diventare il partito alla guida del Paese dopo le elezioni di settembre, dato che i sondaggi lo danno come primo partito ormai da mesi al 23% circa. Mentre in Spagna Vox non gode di un consenso così ampio anche se resta la terza forza del paese con il 15% alle ultime elezioni.

Giorgia Meloni
Giorgia Meloni

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

I neofranchisti della Falange

Ma nel partito spagnolo c’è anche una grande fetta di militanti. Tra questi il leader di Vox al Parlamento europeo Jorge Buxadè che unisce i livelli istituzionali dei partiti ai mondi di ultradestra militante. Buxadè proviene dalla Falange Spagnola, partito della dittatura di Francisco Franco e ne rivendica il ritorno della dittatura. Questo non è l’unico militante proveniente da gruppi di estrema destra ma è sicuramente l’uomo più vicino a Meloni, ospite anche ad Atreju nel 2021. E’ sempre presente agli incontri tra Vox e Fratelli d’Italia.

Del resto come Vox è legata ai movimenti militanti franchisti, anche Fratelli d’Italia ha in passato avuto contatti con CasaPound il movimento neofascista italiano. Inchieste recenti hanno dimostrato personaggi nella cerchia di Fratelli d’Italia che facevano saluti romani e intrattenevano relazioni con neo fascisti.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 29-07-2022


La telefonata di Berlusconi con l’ambasciatore russo

M5S: nessuna deroga al doppio mandato