Arrestato un uomo vicino a Westminster che era in possesso di due coltelli. E’ sospettato di terrorismo.

E’ passato poco più di un mese dall’attentato di Londra e nella città britannica nel pomeriggio odierno è ritornata la paura. La polizia britannica intorno alle 15.30 (ora italiana) ha arrestato un uomo vicino a Westminster ma non ci sono stati feriti. Secondo quanto riportato da un giornalista della BBC, presente durante l’operazione, l’arrestato aveva due coltelli – che poi sono stati trovati per terra – e ed uno zaino sulle spalle, secondo quanto riferito da alcuni testimoni.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Ritorna la paura a Londra, strade chiude per tutta l’operazione

L’arresto è avvenuto a Whitehall, una zona in cui si trovano alcuni edifici governativi nel centro di Londra. Al momento dell’operazione la polizia britannica ha chiuso la strada intorno a Downing Street, dove risiede la numero uno britannica Theresa May, che però in quel momento non si trovava nella sua abitazione.

La spiegazione di Scotland Yard

E’ arrivata dopo qualche ora sul sito il resoconto di Scotland Yard. La polizia ha spiegato che l’uomo è stato arrestato alle 14.22 in seguito ad una perquisizione facente parte di un’operazione in corso. L’arresto è avvenuto tra Parliament Street e Parliament Square. L’uomo, poco meno trentenne, è sospettato di possedere armi e di essere coinvolto nella preparazione e istigazione di atti di terrorismo. La polizia, infine, ha rassicurato dicendo che non ci sono altre minacce legate a quanto successo.

 

ultimo aggiornamento: 27-04-2017


Trump: “Giù le tasse! Sulle imprese l’aliquota ridotta fino al 15%…”

Cento giorni di Trump e la minaccia del presidente: “Possibile la guerra con la Corea”