Paura per l'ex ministro Speranza: "Assassino", cosa è successo
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Paura per l’ex ministro Speranza: “Assassino”, cosa è successo

Roberto Speranza

L’ex ministro della Salute, Roberto Speranza è stato contestato da un gruppo di No-vax a Ostia, subendo insulti e minacce.

L’ex ministro della Salute, Roberto Speranza, si è trovato al centro di una contestazione ad Ostia da parte di un gruppo di No-vax, che lo hanno pesantemente insultato, chiamandolo: “Assassino“.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

L’episodio è avvenuto dopo la presentazione del suo libro presso la palestra della legalità all’Idroscalo, una nota località del litorale romano. Il clima di tensione si è rapidamente intensificato, portando gli agenti di polizia a intervenire per garantire la sicurezza di Speranza, circondato e inseguito da questo gruppo ostile.

Roberto Speranza
Roberto Speranza

L’attacco a Roberto Speranza

Come riportato da Open.online.it, Roberto Speranza, durante il suo mandato come ministro della Salute, ha giocato un ruolo chiave nella gestione dell’emergenza Covid-19, promuovendo misure di lockdown e sostenendo la campagna vaccinale.

Queste azioni lo hanno reso un bersaglio per i negazionisti della pandemia e dell’efficacia dei vaccini. La sua figura è stata oggetto di continue contestazioni, non solo nei luoghi pubblici ma anche sui social media, dove le minacce di morte e gli insulti sono all’ordine del giorno.

Speranza ha apertamente discusso il prezzo personale pagato a causa del suo impegno durante gli anni della pandemia, evidenziando il costante clima di odio e minaccia che ancora oggi lo circonda.

La contestazione ad Ostia

L’incidente di Ostia ha sollevato questioni significative sulla sicurezza degli ex membri del governo impegnati in prima linea durante l’emergenza sanitaria.

La decisione di spostare la presentazione del libro “Perché guariremo” in un luogo più sicuro riflette la preoccupazione crescente per il benessere di coloro che hanno affrontato decisioni difficili in un momento critico per il paese.

Le parole di Speranza, che riflettono sulle sfide e sulle pressioni subite non solo da lui ma anche dai suoi cari, sottolineano l’impatto umano dietro le figure pubbliche coinvolte nella lotta contro il Covid-19.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 4 Aprile 2024 16:21

Il generale Vannacci spara a zero: “Auto elettriche? Convengono ai ricchi”

nl pixel