“Sono 15 anni che riflette su cosa deve essere e ancora non ha deciso. Tornerà tra le braccia del M5S”. Il pensiero di Calenda.

“Penso che il Pd debba riflettere, anche se sono 15 anni che riflette su cosa debba essere”. Questa la dura dichiarazione del leader di Azione, Carlo Calenda, ospite di ‘Mattino 5’ su Canale 5. Calenda ha inoltre sottolineato: “Credo tornerà nelle braccia dei 5 Stelle ma il Pd, così com’è oggi, non ha più senso di esistere: metà di loro guarda a noi, al riformismo; l’altra metà guarda ai 5 Stelle”.

Carlo Calenda
Carlo Calenda

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Calenda

Calenda ha tenuto inoltre a ribadire fortemente, nell’ambito della stessa trasmissione Mediaset, la sua strenua convinzione in merito all’esistenza di tre poli tra cui scegliere: uno uno di sinistra populista con Pd, Fratoianni e M5S; un altro di centrodestra e uno fatto dallo stesso partito di Calenda, con le persone che arriveranno e con i voti che, Calenda n’è sicuro, “sapremo conquistare”.

Gli eletti

Chi sono i parlamentari eletti, in seno al partito di Calenda? Tra gli eletti c’è chiaramente Carlo Calenda, il quale presentatosi al collegio senatoriale uninominale di Roma senza successo, entrerà a Palazzo Madama grazie alla nomina scattata per effetto del proporzionale in Veneto, Sicilia e Lazio.

MARA CARFAGNA – Scatta il posto anche per Mara Carfagna. Per l’ex deputata di Forza Italia il ritorno con le insegne di Azione a Montecitorio è garantito dalla ripartizione nei collegi della Puglia e della Campania.

MATTEO RICHETTI – Sarà a Montecitorio anche Matteo Richetti: per lui il posto è garantito dai collegi proporzionali 3 e 4 dell’Emilia-Romagna.

GIUSY VERSACE – Sarà a Palazzo Madama anche Giusy Versace: l’atleta paralimpica ha ottenuto il posto in virtù del buon piazzamento della lista nel collegio proporzionale 01 in Lombardia

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 30-09-2022


Maroni candida Zaia alla guida della Lega

Ue, accordo sul gas: No al tetto del prezzo dell’importazione