Pd, la proposta di Orfini: “Sciogliamo il partito e rifondiamolo”

Il presidente del Partito democratico, Matteo Orfini, lancia la sfida: “Cambiare nome non serve, bisogna stracciare lo statuto“.

Una sinistra in cerca d’autore. O meglio, di una casa adeguata. Nella crisi del progressismo italiano c’è tutta la storia di un ventennio politico fatto di allontanamento, quello sì progressivo, dai problemi dei molti per avvicinarsi alle crisi dei pochi. Per ritrovare lo spirito d’un tempo, dunque, il Partito democratico non deve cambiare nome. Deve rifondarsi. Almeno secondo il presidente Matteo Orfini.

Intervenuto alla sesta edizione della festa di ‘Left Wing’, Orfini ha lanciato la sua sfida personale, riportata da Repubblica: “Stracciamo lo statuto del Pd, sciogliamolo e rifondiamolo. Mettiamo insieme un pezzo di Paese che non condivide le politiche di questo governo: dobbiamo costituire una risposta dopo la sconfitta che sia all’altezza della sfida“.

Pd, Orfini: “Sciogliamo e rifondiamo il partito

Il partito com’è oggi non funziona“, ha spiegato Orfini, “mi rivolgo a tutti, basta questa distinzione con la società civile, decidiamo insieme la linea politica e la leadership“. Poi, l’attacco a uno dei possibili candidati alla segreteria del partito, il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti: “Le sue parole sui notabili del Pd sono apprezzabili. Però nella sua regione ha candidato Bruno Astorre, che come campione anti notabilato non mi sembra credibilissimo“.

Pd, Zingaretti: “Questo governo è regressione

E intanto, dal festival Visionaria a Roma, lo stesso Zingaretti lancia la sfida al governo Conte: “È un governo monocolore leghista, di estrema destra, che continua a farsi selfie per far vedere che tutto cambia, ma in realtà è protagonista di una regressione economica e culturale dell’Italia. Altro che prima gli italiani, le prime vittime di questo governo sono i giovani italiani. I giovani degli altri Paesi cresceranno in un sistema di politiche competitive. Gli italiani sono quelli che rischiano di più: se ricominciamo con i condoni agli evasori e un bilancio che non dà un centesimo e non parla di scuola, università, ricerca, è un film medievale, parte di una cultura che ha distrutto questo Paese“.

Nicola Zingaretti
Nicola Zingaretti

Fonte foto copertina: https://www.facebook.com/pg/orfinimatteo/photos/?ref=page_internal

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures

ultimo aggiornamento: 16-09-2018

Mauro Abbate

X