Pd: si apre al federatore, Schlein sempre più verso l'esclusione
Vai al contenuto

Direttore: Alessandro Plateroti

Pd: si apre al federatore, Schlein sempre più verso l’esclusione

Elly Schlein

L’approccio di Gori verso le elezioni e il suo potenziale ruolo di federatore nel PD, Schlein rischia di perdere tutto.

Giorgio Gori, l’attuale sindaco di Bergamo, si mostra pronto per le imminenti elezioni europee, con un ombra che sale su Elly Schlein. In una recente intervista rilasciata al QN, ha manifestato un crescente consenso intorno alla sua candidatura, nonostante le decisioni definitive verranno prese in primavera. Considerato in pole position per il collegio Nord Ovest, Gori appare come una figura centrale nella strategia del Partito Democratico (PD) per rafforzarsi in un contesto politico in rapida evoluzione.

Bonus 2024: tutte le agevolazioni

Elly Schlein
Elly Schlein

La visione di Gori per un “Nuovo Ulivo”

Gori, pur escludendosi dal totonomi, non nega la possibilità di emergere come una figura di federatore post-elezioni, un ruolo chiave per unire le forze all’opposizione del governo Meloni. Questo implica una collaborazione più stretta tra le diverse correnti del centro-sinistra. L’obiettivo principale, secondo Gori, è rafforzare il PD, superando eventuali divergenze e puntando su ciò che unisce, inclusa una possibile convergenza con i 5 Stelle su alcuni punti fondamentali.

La posizione di Gori nei confronti della segreteria Schlein

Nonostante le iniziali perplessità verso la segretaria Elly Schlein, Gori riconosce il suo atteggiamento aperto e non settario, apprezzando la sua capacità di accogliere le diverse sensibilità all’interno del partito. Tuttavia, Gori solleva la necessità di una maggiore concretezza nelle azioni del partito, suggerendo che ci sia ancora spazio per miglioramenti significativi.

Al centro di queste dinamiche c’è la lista dei candidati dem alle prossime elezioni europee, un momento cruciale per il PD che cerca di rafforzarsi e di posizionarsi efficacemente di fronte agli elettori. La gestione di questa fase sarà determinante per il futuro del partito e per la sua capacità di agire come forza oppositrice credibile e unita.

In conclusione, Giorgio Gori emerge come una figura chiave nel contesto attuale del Partito Democratico. La sua prospettiva di federatore e la sua visione per un partito più unito e forte sottolineano la necessità di una strategia politica ben calibrata e inclusiva. Le sue parole riflettono un equilibrio tra il rispetto per la diversità all’interno del partito e l’urgenza di un’azione concreta e coordinata in vista delle sfide politiche imminenti.

Riproduzione riservata © 2024 - NM

ultimo aggiornamento: 7 Dicembre 2023 11:41

Renzi affonda la Schlein: il retroscena su come “si è presa il Pd”

nl pixel