La maggior parte delle carte Bancomat sono automaticamente abilitate al circuito FastPay.

Questo permette di accedere a tutte le proposte economiche per non pagare le spese del pedaggio. Visto che viaggiare costa molto, ecco una buona abitudine per riuscire a gestire tutto senza grandi costi.

Come si effettua il pagamento del pedaggio con Bancomat?

Quando vi trovate di fronte al pagamento, andate nella corsia riservata alle Carte, in seguito basta inserire il bancomat attendere pochissimi secondi per ripartire dopo aver pagato il proprio pedaggio. Si tratta di una valida alternativa per chi desidera evitare i costi di gestione relativi al Telepass, inoltre permette di velocizzare in modo incredibile il processo di pagamento.

Quindi addio per sempre a tutte le monetine che finiscono in giro nel portafoglio e che risultano praticamente impossibili da recuperare, oggi con il pagamento tramite bancomat potrete fare di tutto. Tutto questo avviene grazie al circuito FastPay, che permette di utilizzare la carta tradizionale, che vi permetterà di accedere sul conto bancario l’addebito per la tratta percorsa.

Viaggio più semplice

Pagare il pedaggio con Bancomat rende anche il vostro viaggio più sereno, vi permetterà di non perdere troppo tempo alle case manuali e procedere senza pensieri verso quelle automatiche. Gli italiani non usano questo servizio forse per la paura dei costi di commissione? Esiste un mito da sfatare, il pedaggio con pagamento bancomat non prevede alcun costo aggiuntivo, dovete solo avere la carta porta e abilitata al momento del pagamento.

Vi ricordiamo che il Fastpay è operativo lungo tutta la rete azionale a pedaggio, un sistema automatico che viene offerto a tutti i possesso delle normali carte di credito bancarie e abilitate dagli istituti di credito emittenti. Occorre solo verificare presso la banca che la carta in vostro possesso sia abilitata a questo servizio di pagamento.

certificato_unicasim

ultimo aggiornamento: 16-02-2017


Come investire piccole somme

Obbligazioni Floater con cedola massima: Che cosa sono