Papa Francesco alle autorità irlandesi dopo lo scandalo degli abusi su minori: “Mi impegno per eliminare questo flagello nella Chiesa”.

L’abuso su minori è un crimine ripugnante. La Chiesa cattolica ha fallito“. Così papa Francesco ha parlato  rivolgendosi alle autorità irlandesi dopo lo scandalo degli abusi su minori perpetrati da parte di alcuni ecclesiastici.

Queste le parole del pontefice, riportate dall’Ansa: “Non posso che riconoscere il grave scandalo causato in Irlanda dagli abusi su minori da parte di membri della Chiesa incaricati di proteggerli ed educarli. Il fallimento delle autorità ecclesiastiche nell’affrontare adeguatamente questi crimini ripugnanti ha giustamente suscitato indignazione e rimane causa di sofferenza e di vergogna per la comunità cattolica. Io stesso condivido questi sentimenti“.

Pedofilia, papa Francesco: “Eliminerò questo flagello nella Chiesa a ogni costo

Il discorso di Jorge Mario Bergoglio si è concluso così: “Ho ribadito l’impegno, un maggiore impegno, per eliminare questo flagello nella Chiesa a qualsiasi costo“. Parole importanti che fanno presagire fatti altrettanto importanti.

Nel recarsi in Irlanda, il Papa ha rilasciato altre dichiarazioni ai cronisti presenti sul volo Roma-Dublino: “A me piace stare con le famiglie. Torno in Irlanda dopo 38 anni, sono stato tre mesi per praticare l’inglese. Ho un ricordo bello, tocca il cuore“. Precedentemente, il pontefice aveva inviato un telegramma al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per ringraziarlo della lungimiranza dell’Italia nel custodire il valore del matrimonio e della famiglia. Il viaggio in Irlanda è infatti motivato dalla Festa mondiale della Famiglia, che quest’anno si terrà proprio sull’isola verde.

MODULO PER GLI ASSEGNI FAMILIARI

Coronavirus, online la nuova autocertificazione

TAG:
chiesa cattolica cronaca famiglia papa francesco pedofilia

ultimo aggiornamento: 26-08-2018


Genova, Ponte Morandi verso la demolizione: inizio dei lavori a inizio settembre

Jesolo, Salvini: “Questo verme non può essere espulso”