La polizia ha smantellato una rete dedita alla pedopornografia. La banda scambiava materiale hard con un listino prezzi.

ROMA – Altra operazione volta a smantellare la pedopornografia. A circa due settimane dagli arresti che hanno portato alla luce un’organizzazione diffusa in 15 regioni, la polizia postale ha sgominato una rete di pedofili italiani.

Pedopornografia, listino prezzi

L’operazione ha visto coinvolti oltre 100 investigatori del Centro nazionale di protezione dei minori del servizio polizia postale di Roma e della polizia postale e delle comunicazioni di Bari Foggia. E’ emerso un vero e proprio sistema consolidato di vendita online di immagini e video pedopornografici e pornografici autoprodotti da adolescenti e maggiorenni ed inviati in cambio di pagamenti su conti online.

https://www.youtube.com/watch?v=Y32-gMSGarE

Indagine “Pay to see”

In sostanza, su una nota piattaforma di messaggistica, i pedofili scambiavano materiale pedopornografico. Le immagini venivano realizzate anche da adolescenti e vendute online con un “listino prezzi”. Perquisizioni personali, informatiche e sequestri sono stati compiuti in 12 Regioni. Gli accordi avvenivano attraverso chat private sulla scorta di un “listino prezzi” pubblicato online che prevedeva oltre che l’invio di immagini e video già prodotti, oltre a sex chat e video chat dal vivo.L’indagine “Pay to see” è partita da una segnalazione di due genitori.

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
"pay to see" pedopornografia puglia roma

ultimo aggiornamento: 22-07-2020


Sparatoria a Chicago, 14 feriti a un funerale

Terremoto di magnitudo 7.4 in Alaska, allerta tsunami