Penalità per Carlos Sainz nel GP di Turchia. La Ferrari dello spagnolo ha cambiato la power unit.

ISTANBUL (TURCHIA) – Penalità per Carlos Sainz nel GP di Turchia. Dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi, la Ferrari ha comunicato il cambio di power unit. Essendo il quarto motore utilizzato in stagione lo spagnolo sarà costretto a scattare dal fondo della griglia e per lui si prospetta una gara in rimonta.

Possibile un piazzamento nei primi dieci dopo quanto fatto vedere da Leclerc in Russia, ma molto dipenderà dall’andamento della gara e dalle condizioni meteo. Sicuramente le indicazioni per la scuderia di Maranello arrivate da Sochi sono positive e la speranza è di poter ottenere un ottimo risultato.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Mattia Binotto non sarà in Turchia

L’altra novità riguarda l’assenza di Binotto in Turchia. Come già successo la scorsa stagione, il team principal della Ferrari ha preferito non partire per Istanbul e rimanere a Maranello per continuare sullo sviluppo della nuova monoposto.

Il numero uno in pista della Rossa seguirà la gara dal Remote Garage e cercherà di guidare la squadra dal quartier generale per cercare di ottenere un risultato importante.

Mattia Binotto
Mattia Binotto

La Ferrari guarda al 2022

Sarà un finale di stagione per la Ferrari senza particolari aggiornamenti. A Maranello si sta lavorando con molta attenzione al 2022 e per questo si è deciso di ‘sacrificare’ il Mondiale in corso. Secondo le ultime indiscrezioni, la prossima monoposto dovrebbe riuscire ad annullare le differenze di velocità con Mercedes e Red Bull e le nuove regole sicuramente rimescoleranno le carte.

La scuderia di Maranello vuole ritornare a giocarsi il titolo iridato con entrambi i piloti. La speranza è quella di riuscire a colmare il gap con le altre vetture e riuscire a lottare fino all’ultimo weekend il primo posto. Ma non sarà sicuramente un obiettivo semplice da raggiungere.

ultimo aggiornamento: 06-10-2021


Come acquistare un’auto di importazione dalla Germania

Ita, sindacati: “Si cambi rotta o mobilitazione”. Altavilla: “Sciopero 15 ottobre una vergogna nazionale”