Formula 1, penalità per Verstappen nel GP di Russia per aver cambiato la power unit. L’olandese partirà ultimo.

SOCHI (RUSSIA) – Penalità per Max Verstappen nel GP di Russia per aver cambiato la power unit per la quarta volta in stagione. Una scelta che costringerà l’olandese a partire in fondo alla griglia insieme a Leclerc (anche per il monegasco il cambio di motore n.d.r.).

La Red Bull da giorni stava ragionando sulla possibilità di utilizzare il jolly a Sochi vista anche la penalizzazione per l’incidente con Hamilton a Monza. Ora la strategia sarà sicuramente diversa da tutte le altre e l’asfalto bagnato potrebbe rendere ancora più avvincente la gara ed una eventuale rimonta.

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Il ruolo di Perez a Sochi fondamentale

Un weekend fondamentale anche per Sergio Perez. E’ su di lui che la Red Bull punta per tenere compatto il gruppo e consentire a Verstappen di arrivare il prima possibile a lottare con Hamilton. Il messicano, quindi, sarà chiamato ad una qualifica, se mai ci sarà visto le condizioni meteo non buone, da protagonista per poi domenica conquistare la prima posizione in partenza e provare a far restare le monoposto vicine.

Dall’altra parte, però, la grande chance per Hamilton. Il britannico con una grande partenza potrebbe diventare il grande favorito per la vittoria e provare a guadagnare più punti possibili in chiave campionato.

Max Verstappen
Max Verstappen

Rischio incidenti per Verstappen e Leclerc

Per Leclerc e Verstappen sarà una gara ricca di incertezze. Partire dal fondo aumenta il rischio di incidenti alla prima curva e per questo motivo entrambi i piloti dovranno prestare la massima attenzione e iniziare la rimonta nei giri successivi.

Una insidia in più in questa domenica potrebbe essere rappresentata anche dalla pioggia. Un weekend, quindi, che è pronto a riservare diversi colpi di scena e non si esclude la possibilità di vedere un podio inedito.

ultimo aggiornamento: 24-09-2021


Automobilismo in lutto, è morto Ninni Vaccarella

La curiosa storia dell’Arbre Magique: il profumatore per auto diventato un’icona