Pensioni all’estero: cosa dice la legge italiana?

Cresce il numero di pensionati italiani pronti a trasferirsi all’estero. Scopriamo cosa dice la legge italiana in merito alle pensioni all’estero

Con l’aumento del costo della vita cresce a dismisura il numero di pensionati italiani interessati a lasciare l’Italia. Scopriamo cosa dice la legge italiana in merito alle pensioni all’estero.

Pensioni all’estero

La legge italiana sancisce che qualsiasi cittadino produca redditi in Italia anche se con residenza in paese straniero, è tenuto a dichiararli all’amministrazione finanziaria italiana fatta eccezione casi di esonero previsti dalla legge. Tutti i cittadini non residenti in Italia chiamati a presentare una dichiarazione al Fisco, sono tenuti a farlo tramite il Modello Unico. L’articolo 14 della Legge 212 del 2000 riconosce al contribuente con residenza in un paese straniero una serie di informazioni fiscali disponibili tramite il sito internet ufficiale del Ministero dell’Economia e della Finanza, il sito dell’Agenzia delle Entrate e gli sportelli self service presenti presso i Consolati. Per avere la residenza all’estero dal punto di vista fiscale, devono presentarsi alcuni requisiti:

  • non essere iscritti all’anagrafe dei residenti in Italia per più di 183 giorni all’anno;
  • mancato domicilio in Italia per più di 6 mesi;
  • non avere avuto dimora abituale in Italia per più di 6 mesi.

Pagamento pensioni

Qualora non sussista uno dei requisiti richiesti, si è considerati a tutti gli effetti cittadini residenti in Italia. Non solo, stando al decreto del Ministro delle Finanze 4 maggio 1999, sono considerati residenti in Italia, tutti i cittadini italiani cancellati dalle anagrafi e trasferiti in Stati o territori aventi un regime fiscale privilegiato. In caso di trasferimenti in corso, se il soggetto ha avuto residenza in Italia per un periodo inferiore ai 183 giorni allora il frazionamento del periodo d’imposta viene contemplato senza la doppia imposizione come previsto in alcune Convenzioni internazionali. Le pensioni erogate ai cittadini italiani residenti in un paese straniero sono ugualmente imponibili in Italia. Tutti i pensionati non residenti nel territorio italiano sono tenuti ugualmente a pagare le addizionali regionali e comunali IRPEF se previste per l’anno di riferimento.
certificato_unicasim

ultimo aggiornamento: 14-08-2017

Iscriviti alla Newsletter:

Acconsento all’invio di newsletter di Delta Pictures
X