Emergenza carburante in Gran Bretagna: perché manca la benzina e cosa c’entra la Brexit con la crisi che ha travolto il Regno Unito.

La Gran Bretagna è nel pieno della crisi dei carburanti e il governo pensa di ricorrere all’esercito per gestire una situazione considerata emergenziale. La domanda è una: perché manca la benzina in Gran Bretagna?

Green Pass obbligatorio, tutte le regole da rispettare

Gran Bretagna, perché manca la benzina?

In realtà siamo di fronte ad un equivoco di fondo. Il problema principale non è la mancanza di carburante ma la carenza di camionisti a causa della Brexit.

Diverse compagnie petrolifere hanno deciso di razionare i rifornimenti diretti alle stazioni di servizio per la mancanza di camionisti. Le misure restrittive introdotte con la Brexit hanno causato un problema logistico: mancando gli autotrasportatori non si riesce a far arrivare un numero sufficiente di autocisterne nei distributori.

Il taglio operato dalle compagnie petrolifere ha fatto scattare un vero e proprio assalto ai distributori di carburante, che in poco tempo hanno esaurito le scorte a disposizione.

pompe di benzina
pompe di benzina

Gli effetti della Brexit

Ma cosa c’entra la Brexit? Molti camionisti erano europei, considerati a tutti gli effetti extracomunitari alla luce delle nuove norme entrate in vigore.

La Gran Bretagna è rimasta a secco di benzina. Ma in realtà non è che manchi del tutto il carburante: il problema è la corsa all’accaparramento da parte degli automobilisti in preda al panico.

Brexit
Brexit

Le soluzioni

Il problema è gravoso. Molti ritengono che l’emergenza sia destinata a rientrare automaticamente quando si sarà esaurita la prima ondata di richieste. A quel punto i distributori riceveranno le scorte e non saranno presi d’assalto. Questo, insieme con la decisione di aprire ai camionisti europei, dovrebbe far rientrare la situazione in pochi giorni.

ultimo aggiornamento: 29-09-2021


007 – No Time to Die: tutte le auto del film di James Bond

Draghi presenta la NaDef: “C’è fiducia nell’Italia”. In arrivo misure per la sicurezza sul lavoro: “Pene più severe”