Dall’Europa all’Ameria, le paure e le perplessità su una futura e probabile salita di Meloni al potere sono tante.

Sin da quando è caduto il governo Draghi, sono partiti gli allarmi da Bruxelles e da Washington, dato che in caso di elezioni Giorgia Meloni sarebbe la favorita stando ai sondaggi di cui gode da un anno a questa parte. Sarebbe la prima leader italiana donna ma fa paura all’Europa. Uno dei temi su cui teme Bruxelles è l’immigrazione. Germania, Francia e Ue ci stanno lavorando da mesi e doebbe arrivare a breve l’intesa sulla ripartizione in ben 22 paesi degli immigrati sulle coste italiane, greche e spagnole.

Faranno parte di questo accordo anche altri paesi non Ue come l’Islanda, Svizzera e atri parnter Schengen. Il cosiddetto Malta 2 garantirà una redistribuzione dei migranti da ricollocare. Oltre ai milioni riconosciuti ai paesi ospitanti si darà 8 miliardi di euro ai paesi d’origine dei migranti e ogni respingimento sarà raffornzato economicamente. Questo toglierà molto peso alla campagna elettorale di Giorgia Meloni. Ma c’è di più: i due paesi che si sono rifiutati di aderire all’accordo sui ricollocamenti e dare fondi a Italia, Grecia e Spagna sono stati Ungheria e Polonia.

bandiera europa
bandiera europa

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

Diritti, Ue e economia: i temi preoccupanti

Ironia della sorte i due sovranisti conservatori antieuropeisti non vogliono sostenere la loro alleata. A Berlino e Parigi la contrastano ancor prima che possa voler imporre una linea simile a quella di Orbàn e Morawiecki. Tanto che Berlino mette le mani avanti e dichiara che sui diritti non si negozia, sia per la comunità Lgbt che per le minoranze. Anche Macron si pone duramente con Meloni perché non dimentica che la leader di FdI è stata l’unica a opporsi al Trattato dell’Eliseo tra Francia e Italia.

Ma queste due battaglia non sono le uniche che preoccupano Berlino e Parigi, ma c’è anche la volontà di Meloni di voler far prevalere il diritto nazionale su quello europeo, proprio come intende Marine Le Pen. Anche l’economia europea è in bilico, soprattutto per l’Italia perché c’è bisogno di essere in pari per ricevere i soldi del recovery.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 04-08-2022


Sinistra Italiana e Verdi si ribellano al patto con Calenda

Il piano di Matteo Renzi per salvare Italia Viva