Permesso internazionale di guida: cos’è e come funziona

Ecco come funziona il permesso internazionale di guida

chiudi

Caricamento Player...

Per chi ha la necessità di guidare nei Paesi extracomunitari è fondamentale avere in possesso il permesso internazionale di guida, conosciuto meglio come patente di guida internazionale. Ma vediamo nel dettaglio come funziona e quali sono i suoi costi per poterla richiedere.

Patente internazionale di guida: cos’è?

La patente internazionale di guida, come suggerisce il termine stesso non è altro che un documento di identità che consente di guidare un veicolo in un paese non appartenente alla comunità Europea.

Si tratta di un documento molto simile al passaporto, ma differisce da esso perché appare più grande. In questo documento sono presenti le generalità del conducente, i dati della patente posseduta nel proprio Paese e una foto.

Per guidare nei Paesi comunitari basta avere con sé la propria patente di guida, mentre per i Paesi extracomunitari diventa d’obbligo possedere il permesso internazionale di guida.

Esistono due tipi di modelli di patente internazionale: il modello Ginevra 1949 e il modello Vienna 1968. Entrambi si possono ottenere in Italia, ma per quanto riguarda il primo modello, esso ha una validità di 1 anno mentre per l’altro una validità di 3 anni.

E’ possibile richiederli entrambi, ma per poter sapere quale è riconosciuto nel Paese nel quale ci si sta recando in questo caso bisogna contattare direttamente gli uffici consolari.

Come si ottiene il permesso internazionale di guida?

Erroneamente a quanti molti pensano, per poter ottenere il permesso suddetto non bisogna fare alcun esame, basta semplicemente fare richiesta alla Motorizzazione. Per richiederlo ecco la seguente documentazione che occorre presentare:

  • domanda sul modello TT 746
  • attestazione di un primo versamento pari a 10,20€
  • attestazione di un secondo versamento pari a 16€
  • marca da bollo di 16,00€
  • fotocopia fronte e retro della patente di guida in corso di validità
  • due foto, di cui una deve essere autenticata