Un peschereccio spagnolo è affondato in Canada nella giornata di martedì 15 febbraio. Si parla di almeno sette morti.

TERRANOVA (CANADA) – Un peschereccio spagnolo è affondato in Canada nella giornata di martedì 15 febbraio. Come riportato dal Corriere della Sera, la nave si trovava sull’isola di Terranova nel momento dell’incidente.

Il primo bilancio è di almeno sette morti, ma il numero potrebbe aumentare nelle prossime ore visto che si parla di 14 dispersi. E’ stata aperta un’indagine per cercare di ricostruire meglio quanto successo e capire il motivo di questo incidente.

Bonus 2022: tutte le agevolazioni, chi può richiederle e come si possono ottenere

La ricostruzione

La ricostruzione di quanto successo è ancora al vaglio degli inquirenti. Dalle prime informazioni, i contatti con il peschereccio si erano perse almeno un’ora prima del ritrovamento dell’imbarcazione, ma non si hanno ulteriori notizie su questa vicenda.

Non è chiaro il motivo che ha portato all’affondamento del mezzo e per questo nei prossimi giorni ci potrebbero essere delle importanti novità. Sicuramente le autorità locali in questo momento sono impegnati nel recupero dei dispersi. Solo successivamente si inizierà a capire cosa ha portato a questo incidente. Una tragedia che ha sconvolto non solo la Spagna, ma il Canada che ha dovuto fare i conti con questo grave incidente.

Ambulanza
Ambulanza

Il bilancio

Il bilancio è in continuo aggiornamento. Al momento sono sette le vittime e tre le persone tratte in salvo. Le loro condizioni non sono gravi, ma si trovano in ipotermia e di conseguenza trasportati d’urgenza in ospedale per le prime cure.

Sono in corso le ricerche per ritrovare i 14 dispersi. La speranza dei soccorsi è quella che i marinai siano riusciti a mettersi in salvo con le scialuppe, ma non si hanno certezze. Nelle prossime ore su questa vicenda avremo maggiori novità anche perché sono in corso tutti gli approfondimenti del caso sull’incidente.

Riproduzione riservata © 2022 - NM

ultimo aggiornamento: 15-02-2022


Green Pass verso l’abolizione: ecco quando sarà tolto

Infermiera morta in un incidente dopo due notti in clinica, la Cgil: “Turni massacranti”