Peter Schreier è morto. Il tenore della Germania dell’Est aveva 84 anni dopo una lunga malattia. Il cantante si era ritirato dalle scene nel 2000.

DRESDA (GERMANIA) – Peter Schreier è morto all’età di 84 anni a Dresda. Il tenore della Germania dell’Est era da tempo malato con le sue condizioni che sono peggiorate negli ultimi giorni. Nelle prossime ore la famiglia comunicherà le modalità per salutare l’artista per l’ultima volta.

Una lunga carriera che lo ha portato a calcare i teatri più prestigiosi in tutto il mondo con il ministro tedesco della Cultura che lo ha voluto ricordare così: “La Germania ha perso un grande musicista e una delle voci più straordinarie del nostro Paese“.

Chi era Peter Schreier

Nato a Meissen il 29 luglio 1935, Peter Schreier sin da piccolo si è avvicinato al mondo della musica grazie al padre che cantava nel coro di una chiesa. La svolta della carriera musicale del tenore è arrivata all’età di 8 anni quando è entrato nel coro dei ragazzi della Kreuzkirche di Dresda, sua seconda città.

Da qui in poi una lunga avventura che lo ha portato a calcare i teatri più importanti fino ai primi anni 2000 quando ha deciso di fare un passo indietro per dedicarsi solo all’insegnamento per dare al mondo della musica dei nuovi tenori.

Ambulanza
Ambulanza

Peter Schreier morto

La morte di Peter Schreier è avvenuta nella giornata di giovedì 27 dicembre 2019. L’uomo era da tempo malato con le sue condizioni che sono peggiorate negli ultimi giorni. Una scomparsa che ha lasciato un vuoto importante nel mondo della musica internazionale.

E nelle prossime ore saranno diverse le persone e gli ex colleghi che saluteranno uno dei più grandi della lirica internazionale. Il decesso di Schreier segna la fine di un’epoca visto che lui è stato uno dei primi tenori della Germania dell’Est.

fonte foto copertina https://twitter.com/attilalondon

Perchè vaccinarsi contro l'influenza? Pro o contro

TAG:
cronaca musica News peter schreier peter schreier morto

ultimo aggiornamento: 28-12-2019


28 dicembre 2014, il volo Indonesia AirAsia 8501 precipita nel Mar di Giava: 162 morti

Il Tar del Veneto: chi aveva la protezione umanitaria prima del decreto sicurezza ha diritto all’accoglienza