Il vaccino Pfizer è efficace anche sugli adolescenti: lo comunica la stessa società presentando i risultati dello studio.

Pfizer ha comunicato che il suo vaccino è efficace anche sugli adolescenti e in particolare sui giovani di età compresa tra i 12 e i 15 anni. Si tratta di una notizia che rappresenta una nuova rivoluzione nella campagna di vaccinazione.

Covid, il vaccino Pfizer è efficace anche sugli adolescenti

Nella giornata del 31 marzo Pfizer ha comunicato i risultati dello studio effettuato sui giovani. In particolare lo studio ha interessato ragazzi di età compresa tra i 12 e i 15 anni. Stando a quanto emerso, il vaccino è risultato efficace e sicure al 100%, aprendo ad una piccola rivoluzione nella campagna di vaccinazione.

Pfizer
Fonte foto: https://www.facebook.com/Pfizer/

L’iter per l’autorizzazione per la somministrazione agli adolescenti

Pfizer comunicherà i risultati ottenuti alla Food and Drug Administration per chiedere che che il vaccino sia autorizzato anche per vaccinare i più giovani.

Gli effetti collaterali del vaccino Pfizer sugli adolescenti

Per quanto riguarda gli effetti collaterali, questi sono sostanzialmente quelli registrati nei soggetti di età compresa tra i 16 e i 25 anni. Sostanzialmente si parla di dolore e possibile gonfiore nella zona della somministrazione, febbre, stanchezza e un possibile senso di spossatezza.

Vaccino
Vaccino

La possibile svolta nella campagna di vaccinazione

La vaccinazione degli adolescenti potrebbe mettere definitivamente in sicurezza il mondo della scuola e negli Usa sperano di avviare le somministrazioni prima dell’inizio del nuovo anno scolastico.

Ovviamente anche gli altri Paesi sperano di poter presto avviare la vaccinazione dei più giovani per blindare la scuola e metterla al riparo dal rischio di nuove chiusure legate all’aumento dei contagi.

TAG:
coronavirus primo piano vaccino coronavirus

ultimo aggiornamento: 31-03-2021


Le mascherine di stoffa non sono sicure? “Passa il 95 per cento delle particelle”

Coronavirus, Ema su AstraZeneca: “Nessun nesso causale tra il vaccino e i casi di trombosi”