Un bambino di Piacenza è ricoverato in grave condizioni per aver ingerito cocaina. Sulla vicenda indagano gli inquirenti.

PIACENZA – Un bambino di un anno, originario di Piacenza, è ricoverato in gravi condizioni all’ospedale di Brescia per aver ingerito cocaina. Le condizioni sono gravi e sulla vicenda è stata aperta un’indagine dai carabinieri locali insieme a quelli di Brescia.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non

Ambulanza
Ambulanza

Piacenza, bambino ricoverato in gravi condizioni

Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, il bambino avrebbe assunto droga mentre era al parco. I genitori hanno raccontato agli inquirenti di aver visto il piccolo con in mano una bustina e da lì avrebbe ingerito la sostanza stupefacente. Sono in corso le indagini per accertare le dichiarazioni della madre e del padre del piccolo.

Le condizioni del bambino sono molto gravi e i medici non hanno sciolto la prognosi almeno fino alle prossime ore. I genitori si trovano sotto shock e a breve saranno risentiti dagli inquirenti. La loro prima versione non ha convinto completamente gli inquirenti che sono alla ricerca di alcune prove per capire meglio la dinamica di una vicenda che continua ad avere diversi punti oscuri. Per questo le prossime ore saranno fondamentali.

Bambino ingerisce cocaina: aperta un’indagine

Secondo quanto raccontato dai genitori agli inquirenti, il piccolo è entrato in contatto con questa sostanza al parco, prendendo una bustina che conteneva la sostanza stupefacente. Ma al momento non si hanno delle certezze sulla ricostruzione degli inquirenti.

Per questo le indagini proseguiranno nelle prossime ore. L’obiettivo è quello di chiarire meglio la dinamica e portare alla scoperta di come il piccolo è venuto in possesso della sostanza stupefacente. Una questione che sicuramente nelle prossime ore potrebbe essere risolta visto che gli inquirenti sperano nel giro di poche ore di poter capire meglio quanto successo nel pomeriggio di martedì 18 giugno 2019 e che ha sconvolto l’intera piacenza.

Le nuove linee guida per viaggiare in UE e non


Donna scomparsa a Bologna, i familiari alla ricerca di Maria Luisa Negrini

Roma, ragazzo aggredito perché ha la maglia antifascista. Quattro fermi