Donald Trump lancia la sua piattaforma social: ‘From the Desk of Donald J. Trump’. Una sorta di blog destinato ai suoi sostenitori.

L’ex Presidente degli Usa Donald Trump lancia la sfida ai colossi come Facebook e Twitter, con i quali con ha un grandissimo rapporto, e lancia la sua piattaforma social, uno spazio dedicato e destinato a chi vuole confrontarsi direttamente con lui. Sostanzialmente si tratta di una piattaforma aperta ai suoi sostenitori, con il rischio che possa trasformarsi in una sorta di setta chiusa e troppo motivata. Resta in realtà da capire se si tratti di un social network o di un blog. Sappiamo che sulla piattaforma saranno caricati video, probabilmente anche foto e sicuramente alcuni interventi dell’ex Presidente degli Stati Uniti che in testa ha un solo obiettivo: tornare alla Casa Bianca.

Donald Trump
Donald Trump

Bandito da Facebook e Twitter dopo l’assalto al Campidoglio

Il rapporto tra Donald Trump e le piattaforme social come Facebook e Twitter non è mai stato semplice. I due social hanno spesso oscurato i messaggi dell’allora presidente degli Stati Uniti, accusato di diffondere notizie false. E Trump ha reagito facendo terra bruciata intorno ai due social network avviando una campagna mediatica e politica. Scaramucce insomma. La situazione è precipitata dopo l’assalto al Congresso da parte dei sostenitori dell’allora presidente uscente. A quel punto Facebook e Twitter hanno deciso di bandire Donald Trump oscurandone il profilo. Twitter ha optato per un bando permanente, mentre Facebook proprio nelle prossime ore dovrà decidere se riammettere Donald Trump o se confermare e prorogare il divieto.

Donald Trump
Donald Trump

Donald Trump lancia la sua piattaforma social: ‘From the Desk of Donald J. Trump’

La risposta di The Donald si chiama ‘From the Desk of Donald J. Trump’. Si tratta di un sito dedicato ai suoi sostenitori che potranno confrontarsi con lui lasciando messaggi e commenti. Non è chiaro se ci sarà anche la possibilità di interagire in real time, magari con dirette video o soluzioni simili che possano consentire una interazione diretta.

La sensazione è si tratti di una sorta di blog. Trump comunica e i sostenitori apprendono. Non sembra esserci molto spazio per un confronto. Una sorta di sito istituzionale mascherato da blog. Evidentemente l’intenzione è quella di tenere la luce dei riflettori ancora su di sé. Forse davvero nella convinzione di poter tornare alla Casa Bianca da Presidente.


Israele, scaduto il termine affidato a Netanyahu per formare il nuovo governo

Coprifuoco alle 23.00, Regioni di nuovo in pressing sul governo. E Draghi studia le riaperture di metà maggio