Pignoramenti auto 11 dicembre: ancora novità in materia di pignoramento auto, moto e rimorchi. Cosa è cambiato? Scopriamolo insieme…

Nuove modifiche sono state varate in materia di pignoramento auto, moto e rimorchi in particolare per quanto concerne l’esecuzione forzata. Cosa è cambiato?

Le novità

Pignoramenti auto 11 dicembre: ecco tutte le novità introdotte dal nuovo articolo 521 bis del codice di procedura civile. La prima grande novità riguarda le modalità di pignoramento auto e autoveicoli che d’ora in poi sarà eseguita con una notifica al soggetto debitore e successiva trascrizione di atto di pignoramento contenente tutti i dati richiesti per legge. L’atto di pignoramento è il documento con cui il soggetto debitore viene informato dell’ingiunzione, dei beni sottoposti a pignoramenti e dei tempi entro i quali dovrà consegnare i veicoli e i rispettivi documenti. Entriamo nello specifico:

  • con l’ingiunzione il soggetto debitore viene invitato a non avere comportamenti che possono peggiorare la situazione (esempio: nascondere il veicolo, venderlo o demolirlo);
  • intimazione: il soggetto debitore viene invitato entro 10 giorni dalla notifica dell’atto a consegnare i beni pignorati comprensivi dei libretti di circolazione e attestato di proprietà.

Atto di pignoramento

L’atto di pignoramento, inoltre, affida al soggetto debitore la custodia del veicolo sino a quando questi non l’avrà consegnato all’Istituto Vendite Giudiziarie del territorio dove ha residenza. Essendo il custode del veicolo, il debitore è responsabile di qualsiasi danno o azione. Qualora entro dieci giorni dalla notifica non ha provveduto alla consegna del veicolo e viene pizzicato a guidare su strada entra in azione la Polizia a cui spetta il compito di:

  • ritirare il veicolo con relativa documentazione,
  • consegnare il veicolo pignorato all’Istituto Vendite Giudiziarie che da quel momento diventa custode del mezzo e che dovrà avvisare il soggetto creditore con notifica tramite posta certificata.

Una volta notificato il tutto, l’ufficiale giudiziario consegna al soggetto creditore l’atto di pignoramento per procedere all’iscrizione nei pubblici registri. Trascorsi 30 giorni dalla comunicazione tramite posta certificata, il creditore è tenuto a depositare presso la cancelleria del tribunale di competenza:

  • nota iscrizione a ruolo;
  • copie conformi del titolo esecutivo, atto di precetto, atto di pignoramento e trascrizione.

Perdita di efficacia

In assenza di questi documenti potrebbe venire meno l’efficacia del pignoramento. Dall’11 dicembre, in caso di perdita di efficacia del pignoramento per mancata consegna dei documenti, il creditore è tenuto entro un tempo massimo di 5 giorni a comunicarlo al soggetto debitore. Il Pubblico Registro Automobilistico in questo caso richiederà una dichiarazione di inefficacia del pignoramento al soggetto creditore redatta in forma di scrittura privata e autenticata dal notaio.

certificato_unicasim


Cosa significa ATM? Gli sportelli automatici e le loro funzioni

Come funziona e come si può contestare l’ingiunzione fiscale