Cos’è il pignoramento presso terzi? Quando si applica e cosa comporta nella realtà?

Giurisprudenza e Novità 2017

In tema di pignoramento ci sono costantemente delle novità che scaturiscono sia dai Tribunali sia dalle Leggi.

Rispetto ai primi si dice nell’ordinanza depositata il 4 Maggio dell’anno scorso presso il tribunale di Bari:

Il tardivo deposito telematico dell’attestazione di conformità non rende il pignoramento inammissibile.

In sostanza affermando che anche se sono scaduti i termini l’atto e l’effettivo pignoramento possono comunque essere inoltrati.

Cosa dice la Legge

Rispetto invece a questo secondo tema che va sempre tenuto in considerazione – se si intende davvero comprendere come tale dispositivo venga applicato e quali siano i casi nei quali si andasse profilando – rispetto ai pignoramenti presso terzi, l’art. 545 c.p.c. è andato a correggere quella che era un difetto di sistema, in sostanza qualora il pignoramento riguardasse:

  • Pensioni
  • Stipendi

in precedenza queste erano assoggettate al limite del quinto nel caso di esecuzione presso il datore di lavoro o l’INPS, mentre tale limite non era previsto in tutti quei casi nei quali lo stipendio o la pensione fossero pignorati presso la banca.

Ora le tre tipologie sono equiparate, ne consegue che il limite del quinto vale in tutti i casi.

Restando in tema di Legge dobbiamo ricordare che il Decreto Legge n. 132/2014, entrato in vigore da Dicembre 2014 ha introdotto alcune novità in tema di pignoramento presso terzi.

  1. Cambia l’attribuzione territoriale, ora questa spetta al Tribunale dove dimora e risiede o ha sede il debitore, tranne qualora il debitore fosse della pubblica amministrazione
  2. Inoltre l’atto di pignoramento nella citazione non abbisognerà più di essere notificato personalmente, ma la notifica dello stesso potrà avvenire anche a mezzo posta.

Ecco le variazioni che sono state apportate a questa materia da poco tempo e che rappresentano certamente delle novità importanti.

certificato_unicasim


Assegno di Accompagnamento, di cosa si tratta

TFR in busta paga fino a giugno 2018: Poi Fondi Pensione ecco cosa cambia