Le piste da sci in Abruzzo: quali sono e dove si trovano. Una rapida guida per gli amanti dello sci nel Centro Italia. La magia di Pescasseroli e il fascino immortale del Gran Sasso.

Aperta la stagione invernale, gli appassionati dello sci hanno iniziato a scrutare le mappe a caccia di posti nuovi. Proviamo ad aiutare gli amanti del manto bianco con una guida regione per regione. E iniziamo la nostra lunga ed esaustiva guida iniziando dall’Abruzzo, regione ricca di piste da sci e di splendidi paesi arricchiti dai colori e dai profumi dell’inverno.

Le piste da Sci in Abruzzo

CAMPO DI GIOVE – MAJELLA OCCIDENTALE
Località
: Campo di Giove (L’Aquila)

CAMPO FELICE – ROCCA DI CAMBIO
Località
: Lucoli e Rocca di Cambio (L’Aquila)

GRAN SASSO – CAMPO IMPERATORE
Località
Altopiano di Campo Imperatore (L’Aquila)

MONTE MAGNOLA – OVINDOLI
Località
Ovindoli (L’Aquila)

MONTE PISELLI – SAN GIACOMO
Località
San Giacomo, Comune di Valle Castellana (Teramo)

PASSO LANCIANO E MAJELLETTA
Località
: Passo Lanciano (Chieti)

PESCASSEROLI
Località
Pescasseroli (L’Aquila)

PRATI DI TIVO
Località : Prati di Tivo (Teramo)

PRATO SELVA
Località
: Fano Adriano (Teramo)

ROCCARASO/RIVISONDOLI
Località Roccaraso e Rovisondoli (L’Aquila)

SCANNO – MONTE ROTONDO
Località
Scanno (L’Aquila)

MONTE PISELLI
Località
San Giacomo, Comune di Valle Castellana (Teramo)

VALLEFURVA PESCOCOSTANZO
Località
Pescocostanzo (L’Aquila)

L'Aquila
Fonte foto: https://www.facebook.com/laura.tarantino

L’Abruzzo d’inverno

L’Abruzzo è una regione che per molti proprio nella stagione invernale regala il meglio di sé, e non solo per le bellissime organizzate piste da sci che si incontrano nella magia del Parco Nazionale. I piccoli paesi che si arrampicano sulle montagne regalano uno spettacolo encomiabile, con l’odore della legna che arde nei camini e le luci tremolanti nel buio dell’inverno. Per maggiori informazioni su cosa fare in Abruzzo in inverno si consiglia di consultare il sito della regione.


Delitto di Cogne, improcedibile il pignoramento della villa

Marta Cartabia presidente della Consulta