Pochi dubbi, Alessio Romagnoli è un centrale: a sinistra nella difesa a tre fatica

Alessio Romagnoli si prende il Milan… ma da centrale della difesa a tre, là dove osa Leonardo Bonucci.

chiudi

Caricamento Player...

Prodotto dell’AS Roma, Alessio Romagnoli rappresenta sicuramente uno degli acquisti più controversi della storia recente del Milan. Secondo molti strapagato, secondo alcuni sopravvalutato, a detta di pochi un giocatore destinato a fare il grande salto. Si pensava che la maturazione potesse avvenire quest’anno al fianco di Lenardo Bonucci, e invece la convivenza, ancora tutta da collaudare e affinare, sta portando più problemi che vantaggi a Vincenzo Montella.

La certezza: Alessio Romagnoli non fa reparto

La prima certezza è che il ragazzo ancora non fa reparto, non lo guida e non lo tiene. Lo scorso anno in diverse occasioni, lontano magari dalla luce dei riflettori, Gabriel Paletta gli ha tolto le castagne dal fuoco con chiusure d’esperienza e diagonali provvidenziali. Quest’anno con il passaggio alla difesa a tre l’ex doriano è stato chiamato a un passo in avanti: Montella gioca con un centrocampo folto ma fatto di palleggiatori. il pressing è un obbligo ma la difesa non può permettersi sbavature. Per Alessio Romagnoli l’infortunio non ha certo aiutato in questo inizio di stagione, ma alla luce della prestazione offerta in occasione di Chievo-Milan il sospetto è un altro: vuoi vedere che nella linea a tre rende meglio da centrale?

Lo spazio conteso e i presunti screzi

Se così fosse sarebbe un problema. L’AC Milan ha presentato in pompa magna Leonardo Bonucci consegnandogli le chiavi di casa e quelle della cassaforte. Il passaggio alla difesa a tre non è stato fatto per lui ma Leo rende decisamente meglio così. Da centrale. Impensabile che Montella possa dirottare il suo regista arretrato sulla fascia, difficile che Leonardo Bonucci possa reinventarsi in un nuovo ruolo. Non avrebbe probabilmente neanche le doti atletiche per farlo. Secondo le indiscrezioni delle ultime settimane, inoltre, propeio Bonucci e Romagnoli avrebbero avuto un acceso diverbio post Inter-Milan, sintomo, se fosse vero, che la difesa a tre rischia di essere troppo stretta per due centrali.

Milan-Shkendija Bonucci Andrea Barzagli
Leonardo Bonucci