Ex Ilva, visita di Conte a Taranto. Possibili nuove offerte

Ex Ilva, duro confronto tra Conte e i lavoratori. Possibili nuove offerte

Possibili delle nuove offerte per l’ex Ilva. Cassa Depositi e Prestiti valuta una cordata. Intanto il premier Conte a Taranto per parlare con gli operai.

ROMA – In attesa della decisione definitiva di ArcelorMittal, il Corriere della Sera ha ipotizzato delle nuove possibili offerte per quanto riguarda l’ex Ilva. Al momento, però, la situazione è in continua evoluzione e la cordata fortemente voluta da Matteo Renzi con Jindal non sembra possibile. Il gruppo indiano, infatti, si è chiamato fuori.

L’unica possibilità sembra essere quella di Cassa Depositi e Prestiti. L’amministratore delegato Fabrizio Palermo ha annullato il suo viaggio negli Stati Uniti e la sua presenza in Italia dovrebbe confermare l’ipotesi di una trattativa in corso tra Cdp e altri enti per riuscire a salvare l’acciaieria.

Il premier Conte a Taranto

E’ stata una giornata importante per quanto riguarda l’ex Ilva. Dalle 7 di questa mattina (venerdì 8 novembre 2019 n.d.r.) gli operai di tutte le strutture italiane si sono fermate per protestare contro la decisione di ArcelorMittal di rinunciare al proprio contratto di affitto.

In serata a Taranto è arrivato il premier Conte che prima ha parlato con i sindacati e poi si è fermato insieme ad un gruppo di lavoratori con le telecamere che hanno filmato questo incontro. Da parte dei cittadini la richiesta di risolvere il caso in poco tempo anche se il presidente del Consiglio ha specificato di non “avere la soluzione in tasca“.

Giuseppe Conte
Giuseppe Conte

Attesa per la risposta di ArcelorMittal

C’è grande attesa per la decisione di ArcelorMittal. La multinazionale non ha ancora sciolto le riserve anche se molto probabilmente a breve comunicherà la propria intenzione di rescindere il contratto e lasciare l’Italia entro la fine del 2019. Poche settimane, quindi, per l’Italia per trovare una cordata disposta a rilevare l’intera azienda per non far perdere il posto di lavoro ad oltre 15mila persone.

fonte foto copertina https://www.facebook.com/GiuseppeConte64

ultimo aggiornamento: 09-11-2019

X